Carattere

L’avvocato, con alle spalle diverse esperienze negli Enti locali e nella sanità vibonese, si è posto a capo del nuovo movimento che sarà ai nastri di partenza il prossimo 10 giugno

Il Comune di Mileto
Politica

Dopo il presidente dell’ordine dei veterinari Francesco Massara, esce allo scoperto anche l’avvocato Giuseppe Calzone, in vista delle elezioni comunali del prossimo 10 giugno a Mileto. E lo fa nella veste di coordinatore del neo gruppo “ProgettAzione”, nato con l’obiettivo «di lavorare per la presentazione di una lista alla competizione elettorale. Il Comune di Mileto per troppi anni - afferma oggi il politico di vecchia data, con esperienze passate negli Enti locali e nella sanità vibonese - ha sofferto la mancanza di progettualità e perfino dell'ordinaria amministrazione. Gli effetti sono un corpo sociale dilaniato da azioni disumane e da devianze, un Comune inefficiente, un'identità che ha radici storiche, culturali e religiose importanti, umiliata e sfregiata. Ci sono le energie necessarie, sia a Mileto che nelle frazioni, per cambiare le cose in vista delle prossime elezioni che porteranno al rinnovo del Consiglio comunale e dei suoi organi deliberanti. E' arrivato il momento di voltare pagina, di chiamare a raccolta le forze sane, di liberare saperi e competenze perché si mettano al servizio della comunità alla quale appartengono per migliorarla, di promuovere la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica». 

Nel suo proclama elettorale, Calzone delinea a questo punto anche i criteri utili a perseguire tale obiettivo. Nello specifico, si sofferma sull’esigenza «di scartare gli interessi egoistici di pochi e lavorare per il futuro dei nostri ragazzi e delle nostre ragazze, di bonificare il terreno per consentire che siano loro in futuro a coltivarlo per poterci restare e non essere destinati ad una emigrazione forzata al Nord o all'estero. Affermare la legalità e la trasparenza, dare servizi alla popolazione senza gravare in modo sconsiderato sulle famiglie, recuperare il decoro urbano, valorizzare il patrimonio storico e culturale in sinergia con le istituzioni che diffondono la cultura e l’istruzione, pensare secondo un principio di sostenibilità allo sviluppo del territorio e delle attività produttive - prosegue - sono imperativi non più rinviabili. Per questo occorrono politiche di bilancio tese anzitutto ad evitare che il Comune vada in dissesto e che sia condannato alla povertà e all'immobilismo. Questo è il presupposto senza il quale le migliori intenzioni e i migliori programmi sono destinati a fallire». 

Nel suo intervento Calzone sottolinea, infine, che il movimento civico nasce «al servizio della comunità e in discontinuità» proprio per fare fronte a questa emergenza economica e sociale, «con idee e progetti precisi su come ottimizzare le risorse, sia finanziarie che umane». Tra queste rientra il personale dell'ente che, «lasciato a sé stesso, opera in condizioni difficili», fermo restando che il passo successivo «sarà progettare e attrarre finanziamenti per strutture e infrastrutture sul territorio, ideare ed operare concretamente perché le cose progettate vedano la luce e siano realizzate». Il programma elettorale è delineato. Anche in questo caso rimane adesso la parte paradossalmente più difficile, fare i conti con i numeri e riuscire a comporre il puzzle per presentarsi concretamente agli elettori il prossimo 10 giugno.

LEGGI ANCHE:

Amministrative a Mileto: Francesco Massara si candida a sindaco

Comunali a Mileto, “Energia mediterranea” scalda i motori in vista delle elezioni

Comunali a Mileto: “Apertamente” si presenta e punta su giovani e solidarietà

Comunali a Mileto, Petrolo (Si): «Serve responsabilità per avviare una nuova stagione»

 

Lacnews24.it
X

In evidenza

Seguici su Facebook