Mileto verso le Comunali, “evergreen” e nomi emergenti in corsa per Palazzo dei normanni

Si affilano le armi per affrontare la campagna elettorale che porterà la città al voto in primavera dopo la fase commissariale. In campo vecchie e nuove conoscenze della politica locale

Si affilano le armi per affrontare la campagna elettorale che porterà la città al voto in primavera dopo la fase commissariale. In campo vecchie e nuove conoscenze della politica locale

Informazione pubblicitaria
Mileto, il monumento a Ruggero il Normanno
Informazione pubblicitaria

Con l’arrivo del nuovo anno e l’avvicinarsi delle elezioni comunali di primavera, si infittiscono a Mileto le trame per cercare di allestire liste utili a conquistare Palazzo dei normanni e a ritrovarsi, conseguentemente, a gestire l’ennesima fase post commissariale dell’Ente. Allo stato attuale, ad uscire apertamente allo scoperto sono stati l’indomito e sempreverde avvocato Fortunato Salvatore Giordano, pronto a gettarsi con la “sua” “Città futura” di nuovo nella mischia dopo le due poco “fortunate” esperienze passate – l’ultima della quale vissuta nella scorsa tornata elettorale contro il sindaco del “toccata e fuga” Rosetta Mazzeo – e il commercialista Antonio Arena, quest’ultimo scrollatosi da poco di dosso alcuni “amici” dell’associazione socio-politico-culturale “Miletòs” che nella scorsa estate lo avevano accompagnato nell’inutile tentativo di avallare una sua candidatura a primo cittadino. C’è da sottolineare che questa è la fase in cui il certo di oggi può risultare del tutto aleatorio domani, e in cui nulla, quindi, si può dare per scontato. Il momento in cui, per essere precisi, i “poteri forti” preferiscono agire nell’ombra e gli stessi nuclei familiari che in questi decenni con i loro voti hanno fatto il bello e cattivo tempo assumono posizioni d’attesa, e dove basta fare una semplice passeggiata a tarda sera per imbattersi “casualmente” in “cene di lavoro” o in “visite di cortesia” di alcuni nelle case dei presunti esponenti della parte avversa. Detto ciò, in modo ufficioso per la composizione di una propria lista starebbero attualmente lavorando anche altri potenziali candidati a sindaco. Forse troppi per una realtà di poco meno di 7mila abitanti come quella della cittadina normanna, ma tant’è. 

Informazione pubblicitaria

Oltre a Giordano e ad Arena, infatti, all’opera per tentare di capire se ci sono le condizioni per scalare con propri gruppi Palazzo dei normanni ci sarebbero anche un politico di provata esperienza come il cancelliere del Tribunale di Vibo Valentia Giulio Caserta, il manager Giuseppe Ciccone, già a capo di realtà cooperative territoriali, e l’ingegnere Gianfranco Mesiano, quest’ultimo più volte alla guida dell’Ufficio tecnico comunale. Caserta, secondo fonti ben informate, già nelle prossime settimane si accingerebbe a presentare un’associazione politica ad hoc in vista delle amministrative. Sul suo nome, nello specifico, pur prevalendo l’aspetto civico, si ritroverebbero numerosi “aficionados” di provata esperienza democristiano-popolare e alcuni esponenti del Pd cittadino. Stante la situazione e fermo restando che anche in questo caso i “generali” appaiono troppi rispetto alle “truppe” sul campo, i candidati a sindaco sarebbero al momento cinque: quattro di Mileto e uno, il solo Arena, di Paravati. Un dettaglio apparentemente da poco, anche in virtù del fatto che la rosa dei papabili è inesorabilmente destinata ad assottigliarsi o a modificarsi con l’andare del tempo. Se non fosse che proprio dal popoloso paese natio di Natuzza Evolo… nelle ultime tre consiliature è emerso il nuovo primo cittadino di Mileto.  

LEGGI ANCHEMileto, Arena si candida a sindaco e due ex assessori lasciano l’associazione

Mileto verso le Comunali, l’ex assessore Fogliaro si schiera al fianco di Arena