Dossi, parcheggi “abusivi” e decoro urbano: lettera al sindaco Limardo

Il presidente provinciale delle Associazioni sportive e sociali scrive al primo cittadino di Vibo sollevando una serie di questioni relative anche alla sicurezza stradale

Il presidente provinciale delle Associazioni sportive e sociali scrive al primo cittadino di Vibo sollevando una serie di questioni relative anche alla sicurezza stradale

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il presidente provinciale dell’Asi, Michele La Rocca, scrive una lettera al sindaco di Vibo Valentia Maria Limardo per sottoporle nuovamente la problematica relativa alla «trasformazione dei dossi stradali in passaggi pedonali», aggiungendo, poi, che «la mancata manutenzione degli stessi manufatti li rende completamente invisibili nelle ore notturne e con la pioggia, facendoli diventare fonte di grave pericolo per la circolazione ordinaria, oltre che per i mezzi di soccorso». Altra problematica è quella inerente «la quasi totale assenza della segnaletica orizzontale in alcuni punti della città, centro e periferia. In particolare, detta segnaletica è quasi assente ai semafori di viale della Pace (porta della città provenendo dall’autostrada), su viale Matteotti e all’incrocio che conduce alla piscina comunale. Casi straordinari sono poi piazza San Leoluca, nella zona adibita a parcheggio, lasciata alla selvaggia interpretazione degli utenti della strada (come si parcheggia? E dove si parcheggia?)». 

Informazione pubblicitaria

A parere del presidente provinciale delle Associazioni sportive e sociali «la piazza dovrebbe essere interdetta interamente al parcheggio (questione di decoro urbano, considerato che in nessun capoluogo la piazza antistante il duomo è adibita a parcheggio), visto che sulla adiacente via De Gasperi le strisce blu sono quasi totalmente inutilizzate, indice di una scarsa necessità di parcheggio nella zona». Infine, una considerazione sul monumento a Luigi Razza, proprio davanti a piazza San Leoluca: «Può intervenire – chiede La Rocca – per fare chiudere definitivamente al parcheggio abusivo l’area del monumento a Luigi Razza, nostro insigne concittadino?».