giovedì,Aprile 18 2024

Comune Vibo, l’affondo di Luciano: «Il sindaco pensa di guidare una compagnia teatrale»

Il capogruppo del Pd interviene dopo che la maggioranza ha disertato oggi il Consiglio comunale rifiutando di confrontarsi su temi di nevralgici per la città. Maria Limardo cambia idea sul ricorso avverso la bocciatura del suo Piano di riequilibrio da parte della Corte di Conti?

Comune Vibo, l’affondo di Luciano: «Il sindaco pensa di guidare una compagnia teatrale»
Nel riquadro, Stefano Luciano e Maria Limardo

«Anche oggi la maggioranza guidata dal sindaco Maria Limardo diserta il Consiglio comunale rifiutandosi di discutere e di confrontarsi su temi di vitale importanza per i cittadini quali la bocciatura del piano di riequilibrio ed il dissesto per i quali, nonostante la rilevanza, non si è sentita l’esigenza neppure di farne cenno, sotto forma di comunicazione. È chiaro che ci troviamo di fronte ad una maggioranza forte nei numeri ma senza idee, senza coraggio di confrontarsi e soprattutto senza interesse a discutere dei veri problemi che riguardano la città e che ne impediscono lo sviluppo». E’ quanto dichiara in una nota il capogruppo del Pd in Consiglio comunale, Stefano Luciano.

«Peraltro si apprende stamane che il sindaco ha cambiato idea rispetto a quanto detto nel suo monologo in conferenza stampa dove aveva assicurato la certa presentazione del ricorso contro la decisione della Corte dei Conti. Due giorni dopo quella sicurezza è svanita ed oggi ha dubbi in proposito perché si è evidentemente convinta che sarebbe andata incontro ad un’altra brutta figura. Dai continui cambiamenti di umore si intuisce che questo sindaco – conclude Luciano – pensa di guidare una compagnia teatrale e non un’istituzione pubblica, cambiando spartito in base al palcoscenico».

LEGGI ANCHE: Il Corsivo | La Corte dei Conti e la politica degli slogan del sindaco di Vibo a cui i giudici non credono

Il Comune di Vibo ricorre contro la Corte dei Conti, il sindaco: «Nessun debito da 19 milioni. Falsità»

Comune di Vibo in dissesto, l’amministrazione ricorre contro la Corte dei Conti: ecco le ragioni

Articoli correlati

top