Drapia, l’Amministrazione ottimista sulla riapertura della provinciale

Il 4 novembre scorso un cedimento determinò la chiusura di un ponte. Ora la Provincia ha affidato le indagini geognostiche necessarie all’avvio della progettazione esecutiva

Il 4 novembre scorso un cedimento determinò la chiusura di un ponte. Ora la Provincia ha affidato le indagini geognostiche necessarie all’avvio della progettazione esecutiva

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Si vanno via via diradando le nebbie che, dal 4 novembre del 2018, incombono lungo la strada provinciale n. 18 tra Drapia e Gasponi, dove il cedimento di una spalletta di contenimento del terreno adiacente un ponticello ha determinato la chiusura di quella che a conti fatti era l’unica strada di accesso al comune capoluogo. L’amministrazione comunale si dice infatti ottimista per un prossimo ripristino della viabilità dopo che la Provincia di Vibo ha affidato l’incarico per le indagini geognostiche che di fatto anticipano la progettazione dell’intervento vero e proprio. «Tutto questo – spiega il Comune guidato dal sindaco Alessandro Porcelli – a seguito di diversi incontri avviati dall’attuale amministrazione comunale con gli organi sovraccomunali. Si evidenziano e si ringraziano l’impegno e la volontà dimostrati dall’assessore alle Infrastrutture della Regione Calabria Roberto Musmanno, del consigliere regionale Michele Mirabello, del presidente della Provincia Salvatore Solano e dei dirigenti della Protezione civile della Regione Calabria e dei dirigenti tecnici della Provincia di Vibo Valentia per il buon esito della trattativa e la risoluzione della problematica». In ultimo l’amministrazione comunale rivolge «un plauso ai cittadini che si sono spesi per il raggiungimento di questo importante risultato».

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHEDrapia, il vecchio ponte dismesso la soluzione per raggiungere il centro – VIDEO

Strada chiusa a Drapia, i cittadini preoccupati: «Lavori procedono con lentezza»

Strada chiusa a Drapia, i cittadini preoccupati per la nuova soluzione