Forza Italia, primi passi per il neo coordinatore Giulio Capria

Il nuovo responsabile cittadino del partito ringrazia per la fiducia accordatagli e auspica che il partito «possa ritrovare l’unità».

Il nuovo responsabile cittadino del partito ringrazia per la fiducia accordatagli e auspica che il partito «possa ritrovare l’unità».

Informazione pubblicitaria
Giulio Capria
Informazione pubblicitaria

«Ringrazio calorosamente tutti i componenti del Coordinamento provinciale per l’importante incarico affidatomi. Un sentito ringraziamento per le parole di stima e per la fiducia riposta nei miei confronti va al coordinatore Giuseppe Mangialavori, amico con il quale è da sempre instaurata un’intesa forgiata sulla reciproca stima, sull’onestà intellettuale e su una sana e proficua collaborazione sinergica».

Informazione pubblicitaria

È questo il primo commento da nuovo coordinatore cittadino di Forza Italia di Giulio Capria, già consigliere comunale del capoluogo, incaricato ora di tirare le fila del partito a Vibo Valentia.

«Devo ringraziare – prosegue l’interessato – tutti i membri del gruppo consiliare “Liberali per Vibo” che con grande manifestazione di apprezzamento hanno voluto esprimere entusiasmo e soddisfazione per questa importante nomina rivolgendomi i loro più cordiali auguri di buon lavoro. E’ con grande orgoglio che mi appresto a ricoprire tale incarico mosso dal desiderio di potermi impegnare quanto prima in una concreta azione politica sul territorio».

Una sfida che Capria rivela di volere affrontare «con solerzia, dedizione e onestà nei confronti sia degli obiettivi prefissi che di tutte le persone che mi affiancheranno durante questo percorso. La formazione del coordinamento provinciale e cittadino di Vibo Valentia – aggiunge – costituisce un ulteriore, importante, passo nel processo di rilancio di Forza Italia già da tempo intrapreso nella nostra Regione. Proprio alla luce di ciò spero che il coordinamento cittadino possa contribuire all’unità del partito attraverso un dialogo attento ed approfondito con tutti per far si che Forza Italia diventi davvero la casa di tutti i moderati liberali».