lunedì,Maggio 20 2024

Corte dei Conti, secondo il Comune di Vibo evitato un nuovo dissesto

Nota stampa da palazzo Luigi Razza per dare conto dell'ultima decisione a Roma da parte delle sezioni Riunite dei giudici contabili

Corte dei Conti, secondo il Comune di Vibo evitato un nuovo dissesto
Il Palazzo municipale di Vibo Valentia

«La Corte dei Conti sezioni Riunite, nella lunga e complessa udienza che si è tenuta a Roma, ha ribaltato le decisioni fino ad oggi assunte dalla magistratura contabile regionale e dal Ministero dell’Interno sul caso Vibo Valentia. Un caso unico nel suo genere». È quanto si legge in una nota stampa del Comune di Vibo in cui s’informa che «la Corte dei Conti sezioni Riunite si è infatti pronunciata questo pomeriggio (presente in aula anche il sindaco Maria Limardo) ritenendo non valutabile il Piano di riequilibrio in quanto non vi erano i presupposti per ricorrere alla procedura avviata dall’allora commissario straordinario alla guida di Palazzo Luigi Razza».
Secondo la magistratura contabile, prosegue la nota, «non si poteva ricorrere alla procedura di riequilibrio e dunque il Piano non poteva essere adottato e quindi valutato, così come non potevano essere adottate le istruttorie successive del Ministero dell’Interno e della sezione regionale Calabria della Corte dei Conti. La decisione delle sezioni Riunite è dunque indipendente dal termine del 31 dicembre 2022 considerato nell’udienza del 18 gennaio 2023 perentorio per la rimodulazione e comunque con il Milleproroghe posticipato al 31 marzo 2023». [Continua in basso]

E ancora: «Il Comune di Vibo Valentia non può andare in dissesto non perché sia stato bocciato il Piano, ma perché il piano non poteva e non può essere valutato. La procedura di riequilibrio, come richiamato nella delibera n. 24 del 28 dicembre 2022 della Corte dei conti sezioni Riunite, è stata avviata prima dell’insediamento dell’amministrazione Limardo, per l’esattezza con delibera numero 18 del Commissario Straordinario adottata un mese prima delle elezioni. Il Piano non si valuta e non si riformula e pertanto non ci sono i presupposti per dichiararlo bocciato e avviare il dissesto. Si dovrà ora lavorare per inquadrare insieme al Governo e al Ministero dell’Interno il nuovo scenario. Si porta a conoscenza di tutta la collettività del dispositivo letto al termine dell’udienza odierna con il quale il Collegio ha accertato la mancata produzione degli effetti di cui all’art. 243-quater comma 7 TUEL (dichiarazione del dissesto). Dispositivo in cui trovano invece applicazione gli art. 268 e 268 bis che rimandano, per l’adozione delle misure necessarie per il risanamento, all’intesa tra il Ministero dell’Interno e il sindaco».

«Prendiamo atto – afferma il sindaco Maria Limardo – di una situazione nuova ed oggettivamente inaspettata, come delineata dalle sezioni unite, che se da un lato scongiura il possibile dissesto dell’Ente, dall’altro prospetta l’attuazione di nuovi strumenti che comunque non inficiano i risultati contabili, di alleggerimento del deficit strutturale, fin qui perseguiti anche per effetto di entrate derivate dall’attività intrapresa negli anni da questa amministrazione. Siamo altresì consapevoli della complessità di una situazione che stiamo affrontando con tutti gli strumenti a nostra disposizione, con l’obiettivo che mai verrà meno che è quello di perseguire un’azione di risanamento che possa portare il nostro Comune nelle condizioni che merita».

LEGGI ANCHE: Comune di Vibo e bocciatura dalla Corte dei Conti, Luciano: «Il sindaco voleva nascondere la verità»

La Corte dei Conti boccia il Comune di Vibo e dichiara la decadenza dal potere di rimodulare il Piano di riequilibrio

Comune di Vibo e Prfp, sindaco e assessore: «La decisione della Corte dei Conti non ha fondamento»

Articoli correlati

top