Italcementi, Fratelli d’Italia plaude alla diffida del sindaco

La giunta comunale ha chiesto al colosso industriale di bonificare l’intera area e di provvedere alla messa in sicurezza

La giunta comunale ha chiesto al colosso industriale di bonificare l’intera area e di provvedere alla messa in sicurezza

Informazione pubblicitaria

Come partito esprimiamo apprezzamento per l’iniziativa voluta dal sindaco Limardo e dall’intera giunta comunale di Vibo Valentia finalizzata alla riapertura della discussione sull’annosa questione Italcementi”. E’ quanto dichiarano in una nota il coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia Antonello Fuscà e quello cittadino Salvatore Pronestì. “La decisione di diffidare formalmente la proprietà costituisce certamente il presupposto per riaprire un tavolo di confronto con la Heidelberg, al fine di verificare una volta per tutte ed in maniera definitiva, quale futuro e quale prospettiva sia pensabile e soprattutto sia concretamente attuabile, sul sito dismesso che attualmente versa in stato di degrado e abbandono. Pur nella consapevolezza – aggiunge FdI – che si tratta di una matassa difficile da dipanare, considerato che il sito sorge su proprietà privata, siamo sicuri che nell’ambito di una visione strategica e complessiva di sviluppo pensata per il territorio della frazione Marina, l’amministrazione farà di tutto per fornire un’adeguata proposta che miri alla risoluzione definitiva dell’annosa vicenda. Ovviamente anche su questa difficile tematica Fdi e la sua rappresentanza al Comune di Vibo Valentia formata dai consiglieri Antonio Schiavello e Antonio Curello e dall’assessore Michele Falduto intende fornire al sindaco il massimo sostegno e collaborazione, sicuri che la strada avviata è quella giusta”.  

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: Ex cementificio, il Comune di Vibo diffida l’Italcementi: «Bonifichi l’area»

Ex Cementificio di Vibo Marina, un monumento all’abbandono – Video

Vibo Marina, del colosso Italcementi resta solo un cimitero industriale – Video

Italcementi, lo Slai Cobas incalza la politica: dica cosa intende fare col sito