Crisi al Comune di Vibo, guerra aperta tra “Vibo Civica” e “Vibo Unica”

Il gruppo di Katia Franzè e Maria Rosaria Lagrotta stigmatizza l’atteggiamento della collega Claudia Gioia e dei suoi definendolo una «tempesta di fumo che non porta a nulla»

Il gruppo di Katia Franzè e Maria Rosaria Lagrotta stigmatizza l’atteggiamento della collega Claudia Gioia e dei suoi definendolo una «tempesta di fumo che non porta a nulla»

Informazione pubblicitaria

«Prendiamo atto della durissima presa di posizione della capogruppo di “Vibo Unica”, la quale ha espressamente affermato che: “non appare condivisibile che il sindaco, con tre consiglieri comunali, possa allo stato essere rappresentato in Giunta da cinque assessori”, dimostrando finalmente così, al di là delle proclamate rinunce, quali sono i reali interessi che ne dettano la linea politica».

È quanto afferma in una nota il neo costituito gruppo consiliare al Comune di Vibo Valentia “Vibo Civica”, composto dai consiglieri Katia Franzè e Maria Rosaria La Grotta. Prosegue dunque aspro il confronto all’interno della maggioranza che sostiene il sindaco Costa all’indomani della rimodulazione della Giunta che ha portato all’ingresso di due nuovi assessori nell’esecutivo.

Rimpasto di Giunta al Comune di Vibo, Costa sempre più ostaggio della “sua” maggioranza

Franzè e Lagrotta aggiungono poi di voler «cogliere l’occasione per ringraziare la Gioia (capogruppo “Vibo Unica”, ndr) per aver voluto altresì finalmente riproporre con forza quello che già noi avevamo detto a chiare lettere nell’ultimo comunicato, e che tuttavia, era stato incomprensibilmente contestato duramente proprio dalla Stessa capogruppo di Vibo Unica».

«Adesso – insistono – se ne comprendono le vere ragioni. Difatti, in quello stesso comunicato, al di Ià delle inutili strumentalizzazioni, noi avevamo detto che volevamo che le cose rimanessero per come alla fine il sindaco ha deciso, e per questo lo ringraziamo espressamente».

“Vibo Civica”, «al fine di ricondurre la discussione su un piano moderato e costruttivo», rivolge quindi «un accorato appello a tutte le forze presenti in Consiglio che si richiamano apertamente alla figura del sindaco Costa, affinché si ritrovi quell’unità e quella collaborazione indispensabile per proseguire nella giusta direzione. A tal proposito – aggiungono -, riteniamo che il sindaco abbia una maggioranza ampia e forte di cui siamo parte integrante (nonostante tutti i mal di pancia, che tuttavia comprendiamo…) guidata con disinvoltura e leadership vera ed ancor di più non soggetta a flebili spostamenti d’aria incapaci di sovvertirne la forza. Queste tempeste di fumo – insistono -, per quanto sia comprensibile l’ambizione di ciascuno a ricoprire ruoli importanti, non portano a sostanza alcuna, pertanto le cose rimangano cosi per tutti».

Implode la maggioranza al Comune di Vibo, Luciano e Grillo sfiduciano Costa

Infine l’invito rivolto proprio al sindaco affinché prosegua «senza tentennamenti sulla linea intrapresa e, laddove dovesse intuire qualche volontà di imbrigliarlo ai numeri della maggioranza, a valutare, attesa la stima personale di cui gode e la sua grande autorevolezza, un’eventuale disponibilità di tutte le forze esistenti all’interno del consiglio comunale, perché la città attende risposte che non possono più tardare ad arrivare».