martedì,Maggio 18 2021

Regionali, la sfida di Fratelli d’Italia: «Mandiamo a casa la sinistra» – Video

Il partito di Giorgia Meloni ospita a Vibo la deputata Bucalo e presenta i candidati De Angelis e Rosi: «Per la prima volta avremo un presidente donna»

Regionali, la sfida di Fratelli d’Italia: «Mandiamo a casa la sinistra» – Video
Da sinistra Fuscà, Stinà, Bucalo, De Angelis e Rosi

«Per la prima volta nella storia politica della Calabria, questa regione sarà governata da una donna, da Jole Santelli». Fratelli d’Italia parte da Vibo Valentia per entrare nel vivo della campagna elettorale che si concluderà il 26 gennaio con il voto dei calabresi. Il partito di Giorgia Meloni questa mattina all’hotel 501 ha presentato i candidati vibonesi al consiglio regionale, Fausto De Angelis e Bruno Rosi, nel corso di un’iniziativa organizzata da Franco Stinà, coordinatore regionale di Riva destra nonché componente della direzione di FdI, alla presenza della parlamentare siciliana Ella Bucalo. Ed è stata proprio la Bucalo a lanciare «una sfida per questa terra, abbandonata dai governi regionali ed anche dal governo nazionale. Fratelli d’Italia – ha rimarcato la deputata – è una destra sociale, patriottica, sovranista, che vuole dare risposte a questa terra. Sono una accanita sostenitrice degli interessi del Sud, e penso che la rinascita debba partire con i fatti, mandando via una sinistra che fino ad oggi non ha dato assolutamente niente». Quanto alla Santelli, si tratta «di un’ottima candidata che può dare finalmente ai calabresi la risposta che attendono da anni, per porre un argine a disoccupazione, spopolamento, ai giovani che vanno via e che potrebbero non tornare più».

Rosi, dal canto suo, si è detto certo che «verrà eletta a presidente, per la prima volta, una donna, Jole Santelli, e da lì partirà la rivoluzione di cui ha bisogno la Calabria». L’amministrazione uscente, per l’ex sindaco di Serra San Bruno, «si commenta da sola, siamo sempre l’ultima regione d’Italia. Dobbiamo invertire la rotta, per superare lo stato comatoso in cui è finita la Calabria. E farlo partendo dai nostri principii, su tutti la coerenza di un percorso che Fratelli d’Italia può vantare come nessun altro». Per De Angelis l’obiettivo «è dare una svolta alla nostra terra, che dobbiamo imparare ad amare, rispettare e soprattutto cambiare». Cambiare rispetto ad una guida di centrosinistra che «ha continuato ad attuare una politica clientelare che non ha portato nulla, e non ha fatto altro che disamministrare». De Angelis è arrivato alla candidatura in FdI passando prima dalla Lega: «In realtà questa è la mia casa, dove ero candidato anche nel lontano 2014, poi ho seguito un’evoluzione naturale sulla base di accordi nazionali dei partiti divenendo anche coordinatore provinciale del Movimento per la sovranità e candidato per la Lega alle politiche proprio in virtù di quegli accordi. Ma rivendico con orgoglio ciò che non molti possono fare: la coerenza di un percorso che non si è mai discostato dalla destra».

L’incontro è stato aperto dai saluti del coordinatore provinciale Antonello Fuscà e dal dirigente Stinà, che ha fatto una lunga disamina sui principali nodi che si stanno affrontando in parlamento e sulle ripercussioni che – è stato auspicato dal tavolo – il ritorno al governo della Regione, da parte del centrodestra, produrrà in positivo sul territorio provinciale e calabrese.

top