Vibo, Mangialavori: «Allibito dalle parole della deputata Ferro»

INTERVISTA | Il senatore di Forza Italia parla della situazione politica, dal Comune di Vibo alle elezioni: «Il sindaco vada avanti. I candidati alle regionali restino lontani da certi ambienti»
INTERVISTA | Il senatore di Forza Italia parla della situazione politica, dal Comune di Vibo alle elezioni: «Il sindaco vada avanti. I candidati alle regionali restino lontani da certi ambienti»
Informazione pubblicitaria
Giuseppe Mangialavori
Giuseppe Mangialavori
Informazione pubblicitaria

Ha avuto la «responsabilità» di mettere mano a due liste, Forza Italia e la gemella “Santelli presidente”, ai cui candidati garantirà «il medesimo sostegno». Candidati che «devono stare lontani da certi ambienti» ed attenti «a non chiedere voti in zone oscure». Giuseppe Mangialavori, medico, senatore e soprattutto uomo forte del centrodestra vibonese da qualche anno a questa parte, parla della situazione attuale, in una città compressa tra le inchieste giudiziarie (non solo “Rinascita”, ma anche quella della Gdf sul Comune capoluogo) e la fibrillazione che non fa dormire sonni tranquilli alla politica.

È soddisfatto del lavoro sulle liste?
«Sì, sono assolutamente competitive. Ho ricevuto dalla candidata Jole Santelli – il nome migliore che potessimo avere – la responsabilità di contribuire alla lista di Forza Italia e di allestire la gemella, “Santelli presidente”. In entrambe figurano persone che stimo tantissimo, nomi validi e amici».  

Le malelingue dicono che lei in realtà fornirà un grande appoggio ad un solo candidato…
«Ed infatti sono malelingue. Io non ho un candidato da portare avanti, ma due intere liste. Sosterrò in maniera leale Jole Santelli e tutti i candidati, per quello che posso. I discorsi su tizio che mi è vicino o caio che appartiene ad un’altra area, francamente, non li tengo in considerazione. Il mio comportamento è sotto gli occhi di tutti, sarò a disposizione del gruppo. L’obiettivo è vincere le elezioni ed offrire alla Calabria una guida capace di risollevare le sue sorti».

Con l’inchiesta Rinascita sono emersi pericolosi collegamenti tra politica e criminalità. Cosa deve fare un politico per evitare questo “contagio”?
«Di sicuro deve evitare ogni contatto con persone e ambienti che sa essere compromessi. Non bisogna chiedere nulla, perché tutto ciò che viene richiesto si ripercuote in maniera significativa su chi lo chiede. Per questo deve stare “iper attento” ai soggetti cui si rivolge per il consenso elettorale, altrimenti si finisce in brutte situazioni». [Continua dopo la pubblicità]

Informazione pubblicitaria
Giuseppe Mangialavori e Maria Limardo
Mangialavori e la Limardo

Torniamo al Comune di Vibo. Cosa pensa delle parole di Wanda Ferro che ha chiesto di valutare la fine dell’era Limardo?
«Il momento è certamente delicatissimo, ma non v’è dubbio, per quanto mi riguarda, che bisogna andare avanti. L’amministrazione in carica, oltre ad essere stata eletta con un ampissimo consenso pochi mesi fa, sta lavorando in maniera seria e coerente nel rispetto della legge, sta dando il massimo per amministrare con trasparenza e all’insegna della legalità. Ecco perché per me è una follia pensare alle dimissioni. Mi meraviglia che la deputata Ferro chieda una riunione che in realtà c’è già stata, anche con gli organi del suo partito, e tutti hanno garantito massima fiducia al sindaco e all’azione amministrativa di questa compagine. Evidentemente hanno qualche problema di dialogo nel partito. Sono veramente rimasto allibito dalle dichiarazioni della Ferro… Detto ciò, invito il sindaco ad andare avanti con determinazione e con tutti i buoni propositi che pian piano sta concretizzando. Sono assolutamente al suo fianco».

Cosa pensa della candidatura del vibonese Pippo Callipo?
«Penso che Callipo sia un ottimo candidato, su di lui non ho nulla da dire. Ma di certo paga il pessimo governo regionale del Pd, che oggi lo sostiene, e che sarà il motivo della sua sconfitta. La vittoria del centrodestra è certa, e lo sarà anche con ampi margini».

Cosa porterà di buono a Vibo questa eventuale vittoria?
«La città e la nostra provincia avranno certamente un riconoscimento importante, come mai è avvenuto fino ad oggi. E non parlo di poltrone, mi riferisco a finanziamenti, investimenti. Per la prima volta Vibo verrà messa in cima all’agenda politica regionale».

LEGGI ANCHE: Elezioni regionali, ecco tutte le liste della Calabria centrale – Video
Regionali, Daffinà: «Santelli vincente. Forza Italia mi sosterrà» – Video
Regionali, Lo Schiavo: «Callipo il miglior presidente possibile» – Video
Regionali, Grillo: «Vinceremo le elezioni, malgrado alcuni errori…»