“Vibo democratica” si sgonfia dopo 24 ore: la Pugliese sbatte la porta

Il gruppo consiliare nato lunedì perde uno dei tre componenti: «Non mi faccio strumentalizzare da qualcuno per lotte fratricide che non mi appartengono»
Il gruppo consiliare nato lunedì perde uno dei tre componenti: «Non mi faccio strumentalizzare da qualcuno per lotte fratricide che non mi appartengono»
Informazione pubblicitaria
Da sinistra, Pugliese, Policaro e Miceli
Informazione pubblicitaria

Laura non c’è, è andata via… Ad appena 24 ore dalla nascita del nuovo gruppo che aveva contribuito a fondare, Laura Pugliese, consigliere comunale d’opposizione a Vibo Valentia, si chiama fuori. Le ragioni non le esplicita, ma evidentemente qualcosa – e non di poco conto – non è andato come avrebbe dovuto. L’ex assessore della giunta Costa, ed attuale esponente della minoranza consiliare, proprio ieri mattina era entrata a far parte di “Vibo democratica”, tra l’altro col ruolo di vicecapogruppo, insieme ai consiglieri Marco Miceli (capogruppo, che ha lasciato il gruppo Pd) e Giuseppe Policaro (Vibo unica).

Comune Vibo, nel Pd restano in due a ballare l’Hully Gully

L’annuncio lo dà lei stessa tramite una breve nota stampa, in cui adombra comportamenti scorretti da parte di qualcuno dei suoi compagni di viaggio. «L’onestà intellettuale che ha sempre animato il mio agire quotidiano sia in ambito personale e professionale oltre che politico – spiega Laura Pugliese – m’impone di fare un passo indietro rispetto alla scelta di cofondare insieme ai consiglieri Miceli e Policaro il nuovo gruppo Vibo democratica che avrebbe dovuto rinvenire nei principi più alti della democrazia e della libertà il proprio elemento costitutivo e fondante. Non consentirò a nessuno di strumentalizzare quei buoni e puri propositi di spirito di servizio che mi appartengono e che rivendico in pieno, per fini meramente fratricidi e di fomento di lotte intestine interne, dinamiche che disconosco e che non mi appartengono per formazione culturale. S’interrompe, pertanto, il personale percorso all’interno di Vibo democratica, dal momento che preferisco mettere le mie energie a servizio esclusivo della collettività e dei miei concittadini, in maniera più diretta e incisiva».

Informazione pubblicitaria