Rimpasto di Giunta a Vibo, per Sinistra italiana è «una maggioranza a tre gambe»

Il coordinatore cittadino Ambrosio definisce «emblematica l’immagine del sindaco Costa stretto tra due enfant prodige della politica vibonese, d’ora in poi responsabili della città almeno quanto lui»

Il coordinatore cittadino Ambrosio definisce «emblematica l’immagine del sindaco Costa stretto tra due enfant prodige della politica vibonese, d’ora in poi responsabili della città almeno quanto lui»

Informazione pubblicitaria
L'immagine richiamata da Ambrosio

«Giù la maschera, ti ho riconosciuto! Era questa la frase ricorrente qualche anno fa, durante il Carnevale, che veniva detta a quelli che venivano scoperti nonostante il travestimento. Lo stesso si potrebbe dire oggi all’amministrazione Costa che, dietro la maschera del civismo, ha ammaliato i cittadini di Vibo Valentia e portato la sua coalizione alla vittoria nelle elezioni comunali».

A riferirlo in una nota è il coordinatore cittadino di Sinistra italiana, Giuseppe Ambrosio, il quale interviene a commentare il rimpasto di Giunta operato dal sindaco Costa. «In due anni di amministrazione Costa – afferma Ambrosio – stiamo assistendo ad un valzer delle poltrone, che sembra essere quel vecchio gioco in cui se non stavi attento appena alzato rimanevi senza posto a sedere, ma la logica del valzer delle poltrone non può accontentare tutti e poi capita che qualcuno lasci la maggioranza! Le sostituzioni maggiori poi – con una media di una all’anno – riguardano uno degli assessorati più importanti: quello all’Ambiente, indicativo del fatto che questa amministrazione è meno presente e meno attiva nelle questioni e nei problemi più forti del territorio vibonese».

Il coordinatore di SI incalza: «Qualcuno potrebbe dire: cosa importa alla gente se c’è un assessore in più? Diventa importante nel momento in cui un Comune in dissesto come è quello di Vibo Valentia decide di caricarsi di un ulteriore aggravio di spese per allargare la Giunta, scelta fatta un po’ per mantenere le quote rosa e un po’ per tenere in piedi la maggioranza più che per reali esigenze. Ci chiediamo infatti quale sia, in pratica, il ruolo dell’assessore all’immigrazione e gestione dell’accoglienza, campo nel quale il Comune ha poca voce in capitolo, ma piuttosto è direttamente lo Stato ad occuparsene. La storia del “libero dai partiti e dalle logiche della politica” era solo una trovata per nascondere invece la presenza – forte – della politica, che condiziona in modo esagerato la vita dell’attuale amministrazione. Emblematica è l’immagine della conferenza stampa: il sindaco in mezzo ai due enfant prodige della politica cittadina, detentori di un forte consenso che rispettiamo, ma che d’ora in poi saranno responsabili della città come e quanto il sindaco. E poi sarà il popolo sovrano a trarre le sue conclusioni su questa amministrazione a tre gambe».

LEGGI ANCHE:

Vibo, nuovo rimpasto di Giunta. Nasce l’assessorato all’Immigrazione

Rimpasto di Giunta a Vibo, lo strappo di Tedesco: «Comune in dissesto ma con 10 assessori»

Rimpasto di Giunta a Vibo, implode la maggioranza: «Sostegno non scontato»

Rimpasto di Giunta a Vibo, il Pd non fa sconti: «Ennesimo ricatto dei partiti» (VIDEO)

Rimpasto di Giunta a Vibo, lo sfogo di Scuticchio: «Coalizione dilaniata da conflitti intern