Vibo-Pizzo, il Pd diserta il Consiglio alla stazione: «Inutile passerella»

Il gruppo consiliare e il coordinamento cittadino: «Certe questioni andrebbero affrontate in maniera seria. Questa amministrazione sempre attenta ad apparire»
Il gruppo consiliare e il coordinamento cittadino: «Certe questioni andrebbero affrontate in maniera seria. Questa amministrazione sempre attenta ad apparire»
Informazione pubblicitaria
Pd Vibo, al centro il segretario Enzo Insardà

«È solo una inutile passerella». Con questa motivazione il gruppo consiliare del Partito democratico di Vibo Valentia, unitamente al coordinamento cittadino, annuncia la non partecipazione alla seduta del consiglio comunale straordinario che si terrà alle 16.30 alla stazione di Vibo-Pizzo, con unico punto all’ordine del giorno proprio i provvedimenti da adottare contro la mancata tappa allo scalo vibonese dei treni ad alta velocità Frecciarossa e Italo.

Alta velocità, il consiglio comunale si riunisce… alla stazione di Vibo-Pizzo

Il Pd non partecipa «pur ritenendo di fondamentale importanza il rafforzamento della nostra stazione e la scelta di Trenitalia di garantire più fermate ai treni di alta velocità. E però, siamo altrettanto convinti – prosegue la nota stampa – che le questioni serie debbano essere trattate in modo serio senza passarelle inutili ed abbandonando i toni propagandistici da campagna elettorale che fino ad oggi hanno caratterizzato l’amministrazione comunale, sempre attenta ad “apparire” ma priva di contenuti e risultati sul piano amministrativo.

Vibo-Pizzo, Movimento 24 agosto: «Qui l’alta velocità è un bluff» – Video

Ad esempio, si cominci con il tenere pulita e funzionale la stazione quotidianamente e non solo, come avvenuto ieri, in occasione di qualche evento, quale l’arrivo dei consiglieri comunali; il sindaco, si faccia promotrice presso la presidente della Regione, sua collega di partito, affinché vengano rafforzati i collegamenti tra stazione, porto, Vibo Marina centro città ed affinché vengano disposti investimenti per rafforzare il turismo e rendere più attrattivo il nostro territorio. Se migliora la qualità dell’offerta, Trenitalia potrà valorizzare la nostra stazione.

Vibo-Pizzo, qualcosa si muove: ripulito il piazzale della stazione

Come ha giustamente fatto rilevare l’onorevole Viscomi, la sfida più impegnativa dell’intero territorio che Vibo rappresenta come capoluogo è quello della capacità di ricomporre una diffusa frammentazione di interessi territoriali, professionali e personali in una visione di sintesi che ponga lo sviluppo economico e sociale come priorità.

Ma per fare ciò occorre serietà e concretezza, occorrono i fatti, quelli che ad oggi mancano e che ci raccontano invece di una città ricoperta di rifiuti, sporca, senza piano strutturale, senza piano spiaggia e con i dipendenti che non vengono affatto tutelati e valorizzati sul piano professionale. Noi siamo sempre pronti a lavorare senza pregiudizi a favore delle questioni che interessano la città anche d’intesa con la maggioranza, purché si metta un punto – concludono dal Pd – alla politica dell’apparire e del continuo spettacolo e si inizino ad affrontare nel merito tutti i problemi mai risolti».