Chiusura prefettura, Patania (Slai Cobas): «Colpo mortale al territorio. La città si mobiliti»

L’esponente sindacale condanna la latitanza della politica e invita a «trovare una nuova unità d’intenti per scongiurare il disegno di spoliazione della provincia».

L’esponente sindacale condanna la latitanza della politica e invita a «trovare una nuova unità d’intenti per scongiurare il disegno di spoliazione della provincia».

Informazione pubblicitaria
Giovanni Patania
Informazione pubblicitaria

«Siamo preoccupati ed indignati per quello che sta accadendo, un disegno che ormai va avanti da parecchio tempo, perpetrato da chi vuole fare scomparire Vibo anche togliendo la presenza dello Stato». È quanto afferma, in una nota, Govanni Patania, sindacalista Slai Cobas, in relazione alla soppressione della Prefettura, contro la quale, questo sabato, la città scenderà in piazza per dar vita ad un corteo di protesta. 

Informazione pubblicitaria

«Tale soppressione – afferma Patania – avrà una grave ricaduta economica ed inoltre comporterà un aumento della crisi occupazionale e la perdita di centinaia di posti di lavoro. Siamo allarmati per la mancata presa di posizione da parte della classe politica che non ha fatto ciò che le competeva in maniera decisa e determinata, i nostri politici sia a livello nazionale che regionale, hanno nicchiato».

Per il sindacalista «si pone oggi un problema di tenuta democratica della stessa provincia, occorre quindi che in questo momento di estrema emergenza, venga abbandonata ogni forma di contrapposizione e divergenza, impegnandoci ad un’unità di intendi volta ad evitare che questo progetto contro la nostra provincia vada avanti».

Quindi l’invito alla mobilitazione: «facciamo un appello a tutti i cittadini affinché si mobilitano e partecipino con convinzione alla manifestazione di giorno 21 che si terra a Vibo valentia e non abbassino la guardia per evitare quello che potrebbe rappresentare l’ennesimo e forse mortale colpo inferto al nostro già martoriato territorio».