Il Pd si conta anche a Triparni: Iannello coordinatore. Focus sui problemi della frazione

Celebrato nei giorni scorsi il congresso della locale sezione nell’ambito del quale sono state sviscerate le criticità e le attese del piccolo centro abitato

Celebrato nei giorni scorsi il congresso della locale sezione nell’ambito del quale sono state sviscerate le criticità e le attese del piccolo centro abitato

Informazione pubblicitaria
L'ingresso di Triparni

«Nei giorni scorsi gli iscritti al Partito democratico della sezione di Triparni si sono riuniti, non per celebrare il congresso di sezione, come avrebbe dovuto accadere, ma per fare il punto sulla situazione politica locale e confrontarsi sulle reali possibilità e volontà di rilanciare un’azione politica forte e determinata che da qualche anno nella frazione è venuta a mancare. Una sezione storica come quella di Triparni che vuole riaprirsi alla comunità; è questa l’opinione diffusa dei presenti, convinti che la frazione non possa rimanere abbandonata al proprio destino con problemi di varia natura ed anche dal punto di vista socio economico».

A riferirlo in una nota è Antonio Iannello, storico esponente del centrosinistra e già amministratore comunale, e nuovamente indicato coordinatore del circolo democrat della frazione di Vibo alla guida di un “coordinamento provvisorio”.

«Naturalmente – si legge in un resoconto del circolo – nell’analisi critica fatta sono emersi anche diversi aspetti positivi che hanno caratterizzato negli anni l’azione politica di una sezione sempre attiva e presente sul territorio vibonese, benché più volte non compiutamente sostenuta dai livelli superiori del partito. Era logico che l’attenzione del dibattito si concentrasse sui notevoli ritardi accumulati dei lavori per la sistemazione della piazza di Via Roma, recentemente appaltati ma non ancora avviati; purtroppo questa problematica dal 2010 ad oggi ha creato diversi disagi e preoccupazioni ai cittadini che abitano nelle vicinanze ma anche all’intera comunità. La viabilità all’interno del centro cittadino è pessima, le strade comunali sono impercorribili e pericolose, il degrado ambientale è visibile a tutti, con interventi di manutenzione ordinaria inesistenti e con un cimitero che recentemente in qualche occasione rimane chiuso addirittura anche la domenica».

Quindi, per Iannello, «questa fase positiva di riflessione preparatoria al congresso di circolo, deve servire per recuperare quelle sensibilità che deluse si sono allontanati dalla politica, ma anche per coinvolgere i tanti giovani ad impegnarsi attivamente nella politica e nel sociale: una sfida tesa a recuperare l’orgoglio di tutti in un momento particolarmente difficile per la politica nei suoi diversi aspetti».

Infine è stato ribadito la necessità «di una forte discussione politica, mettendosi al servizio dei cittadini e anteponendo i problemi generali agli interessi personali, in quanto sono queste alcune condizioni essenziali per tentare di sconfiggere nelle prossime elezioni amministrative un centrodestra che sta dimostrando una evidente incapacità a risolvere non solo i problemi di largo respiro ma neanche l’ordinaria amministrazione».

LEGGI ANCHE:

Triparni, la denuncia di Sinistra Italiana: «Frazione abbandonata al suo destino»

Pd: incontro fra i segretari dei circoli di Vibo per programmare le attività del partito

Elezione segretario del Pd di Vibo-centro: interviene la polizia

Bagarre nel Pd vibonese, Pacilè: «Le divisioni si superano con il dialogo» (VIDEO)

Congressi Pd, Cutrullà e Barbieri riconfermati alla guida dei circoli di Piscopio e Vibo Marina