martedì,Novembre 30 2021

Mileto, la Guardia medica ritorna a operare a pieno regime fino a dicembre

Ad annunciarlo il sindaco Giordano, dopo aver ascoltato il direttore del distretto sanitario Bova. Il presidio sarà potenziato con nuovo personale medico

Mileto, la Guardia medica ritorna a operare a pieno regime fino a dicembre

A Mileto il servizio di Guardia medica sarà ripristinato a tempo pieno almeno fino al prossimo 31 dicembre. Poi si vedrà. Ad annunciarlo il sindaco Salvatore Fortunato Giordano, il quale nelle scorse settimane aveva inviato una lettera al presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto, al commissario straordinario dell’Asp di Vibo Valentia Maria Bernardi e al direttore del distretto sanitario Raffaele Bava, con cui chiedeva di ripristinare con urgenza il pieno servizio di Continuità assistenziale attivo sul proprio territorio comunale, ultimamente ridotto nella cittadina normanna e in altri presidi a causa della forte carenza di personale medico. In conseguenza di ciò la popolazione si è ritrovata costretta a rivolgersi altrove, «con numerosi disagi e forti disservizi agli utenti di Mileto, che in piena notte si sono visti sbarrate le porte della postazione». [Continua in basso]

Nella missiva il primo cittadino chiedeva anche di intervenire su Csm e servizio ambulatoriale di neuropsichiatria attivi nel locale Poliambulatorio, «dove il medico in servizio sta per andare in pensione e pertanto è necessario per tempo provvedere a inviare subito altri sanitari in sostituzione, in quanto gli utenti del territorio e del comprensorio, già in qualche occasione, avendo necessità di eseguire le note ed essenziali terapie mensili, si sono ritrovati ad essere rifiutati per mancanza di medici in sede» «Da interlocuzione avuta con il dottore Bava – spiega oggi soddisfatto Giordano, annunciando la riapertura a tempo pieno della Guardia medica – apprendiamo che il servizio per i mesi di novembre e dicembre è stato reintegrato con nuove unità di medici, che hanno accettato di venire a Mileto. Un ringraziamento ad Asp per aver accolto la nostra richiesta e un buon lavoro ai medici coinvolti». La speranza è che si continui a garantire la piena operatività del presidio anche il prossimo anno.

Articoli correlati

top