domenica,Gennaio 23 2022

Nel Vibonese il Covid fa ancora paura: ecco i contagi per ogni comune

A preoccupare di più il capoluogo di provincia, Ionadi, Mileto e Ricadi. Ecco gli ultimi dati aggiornati dell'Asp

Nel Vibonese il Covid fa ancora paura: ecco i contagi per ogni comune
Auto in fila a un drive in - Foto d'archivio

Preoccupa ancora la situazione epidemiologica nel Vibonese. Secondo gli ultimi dati forniti dall’Azienda sanitaria provinciale – aggiornati alla sera del 30 novembre -, i casi attivi sono 387, di cui 9 si trovano ricoverati nel reparto Covid dell’ospedale Jazzolino di Vibo Valentia.
Il comune che registra più contagi è Vibo Valentia: nella città capoluogo e nelle sue frazioni sono 78 i positivi. Un bel balzo in avanti se si considera che una decina di giorni fa erano una cinquantina circa. Anche nella confinante Ionadi la situazione è seria: sono 38 i casi attivi e questa mattina il sindaco Antonio Arena ha firmato altre 3 ordinanze di quarantena. [Continua in basso]

A Ricadi di casi attivi se ne contano ad oggi 34, di cui uno ricoverato. Qui il focolaio è partito dalle scuole: sono circa una ventina i bambini positivi, con conseguenze in alcune delle famiglie e anche nella casa per anziani di San Nicolò, dove ospiti e personale sono stati messi in quarantena. Il sindaco, Nicola Tripodi, nei giorni scorsi ha adottato una serie di provvedimenti atti a contenere quanto più possibile il contagio. E quindi scuole dell’infanzia, elementare e media di Ricadi chiuse fino al 3; obbligo di mascherina anche all’aperto, divieto di assembramento e chiusura dei tre mercati settimanali a Ricadi, San Nicolò e Santa Domenica.

A Mileto l’Asp riporta 31 casi, ma il sindaco Salvatore Fortunato Giordano comunica che i positivi sono 38. Diversi di questi riguardano studenti, dall’asilo alle superiori. Ieri lo screening su due classi della primaria ha dato esito negativo, mentre su 30 tamponi effettuati alla Ragioneria uno è risultato positivo. «Sebbene i contagi siano consistenti, il virus non è dilagante, atteso che i casi sono riferibili a contagi anche familiari», ha detto il primo cittadino. [Continua in basso]

Segue San Gregorio d’Ippona, dove la situazione si mantiene più o meno stabile con 21 contagi. A San Costantino Calabro sono 17, mentre a Pizzo 15 e 14 a San Calogero. A Mongiana, dove il sindaco Francesco Angilletta, ha chiuso tutte le scuole fino al 5 e imposto l’obbligo della mascherina all’aperto, i casi attivi sono 13 – di cui ben 3 in ospedale.

Decisamente migliorata la situazione nella zona delle Serre, dove settimane fa tanta era stata l’apprensione. Secondo i dati dell’Asp, infatti, i casi attivi a Serra San Bruno si sono ridotti a 7; 2 sono i contagi a Sorianello e 0 nella vicina Soriano, così come a Spadola, Brognaturo e Simbario.

A Pizzoni, dove l’asilo è chiuso fino al 4 dicembre per un bimbo positivo, i casi sono 3; mentre a Cessaniti sono 6, tutti ragazzi: motivo per cui è stata avviata la didattica a distanza per la scuola media. Più o meno ovunque nel resto dei comuni vibonesi i contagi si mantengono sotto le dieci unità, ma rimangono davvero pochi i territori “Covid free”. [Continua in basso]

I ricoverati in provincia sono così suddivisi: 1 di Francica, 1 di Mileto, 3 di Mongiana, 1 di Pizzo, 1 di Ricadi, 1 di San Calogero e 1 di Vibo.

Intanto proseguono a tamburo battente le vaccinazioni, in particolare le terze dosi. Nel Vibonese si procede con una media di mille dosi somministrate al giorno.

LEGGI ANCHE: Covid: in Calabria 286 nuovi contagi, Vibo conta un’altra vittima

Covid, in arrivo in Calabria 24mila vaccini Moderna: dosi anche a Vibo

Articoli correlati

top