mercoledì,Aprile 24 2024

Serra, il sindaco incontra i dirigenti dell’Asp per l’intensificazione del personale al San Bruno

Alfredo Barillari torna sulla questione delle sale operatorie presenti nel nosocomio montano e sulla necessità di avere personale medico per farle funzionare

Serra, il sindaco incontra i dirigenti dell’Asp per l’intensificazione del personale al San Bruno
L'ospedale di Serra San Bruno
Una delle sale operatorie dell’ospedale San Bruno

“Se le sale operatorie ci sono, servono i chirurghi che le facciano funzionare. L’ospedale San Bruno ha necessità di personale che faccia ripartire il servizio di chirurgia: un servizio che non si limiti ad interventi ambulatoriali ma che veda l’attivazione della Week Surgery, con interventi che prevedano anche il ricovero dei pazienti”. Così il primo cittadino di Serra San Bruno, Alfredo Barillari, il quale ha spiegato che “per questo motivo oggi ho contattato i dirigenti dell’Asp, chiedendo loro un’accelerazione riguardo alla delibera n.58 con oggetto la copertura a tempo determinato di 3 posti di dirigente medico disciplina di chirurgia generale. Visti i pensionamenti dell’ultimo periodo nel nostro nosocomio, queste figure spettano al San Bruno al fine di implementare il servizio di chirurgia”. [Continua in basso]

Alfredo Barillari

Barillari, ha inoltre aggiunto che “in tal senso ho avuto rassicurazioni sui tempi della formazione della graduatoria; parallelamente, continuano le procedure per la copertura di posti a tempo indeterminato, sempre relativo all’assunzione di medici chirurghi e pubblicato dall’Asp con delibera n.6″. E ancora “nella giornata di domani mi confronterò nuovamente, recandomi all’Asp, con i vertici aziendali per ribadire con forza la necessità di invertire la rotta della sanità del nostro territorio. Continuo a sostenere – ha concluso il sindaco di Serra – che avere speso euro 850.000 per sale del genere rappresenta, al momento, un grosso spreco al quale bisogna rimediare assicurando prestazioni sanitarie adeguate. Impegno e serietà, è questo ciò che serve dinnanzi a 20 anni di continue chiusure e privazioni”. 

LEGGI ANCHE: L’Utic di Vibo si conferma un centro di riferimento per i pazienti con malattie cardiovascolari delicate

Ospedale Serra: sale operatorie «tra le più attrezzate» mai entrate in funzione

Articoli correlati

top