giovedì,Maggio 30 2024

Ospedale di Tropea, riprende a funzionare il reparto Dialisi ma si teme la chiusura del presidio

Sino a dicembre ben dieci figure, tra personale tecnico e medico, andranno in pensione senza che al loro posto subentrino nuove unità

Ospedale di Tropea, riprende a funzionare il reparto Dialisi ma si teme la chiusura del presidio
L'ospedale di Tropea
Pazienti in fila per entrare al Pronto Soccorso

Gli elettricisti inviati dall’Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia sono intervenuti per ripristinare la piena funzionalità del reparto di Dialisi e Nefrologia dell’ospedale di Tropea, dopo che una porzione della rete elettrica dello stesso da ieri aveva subito un guasto. Prima dell’intervento dei tecnici inviati dall’Asp, però, la protesta dei circa trenta pazienti dializzati, e in attesa di eseguire la terapia, da stamane presto non ha tardato a farsi sentire anche a mezzo stampa. Per loro, ma anche per lo stesso personale del nosocomio cittadino – così come per tutta l’utenza che giornalmente gravita sulla struttura – al centro della questione resta la «spoliazione» dall’ospedale, nel tempo, di tutte quelle figure necessarie per un corretto funzionamento di tutta l’importante struttura sanitaria. Ulteriore motivo di agitazioni prossime sarà proprio la questione dei pensionamenti che, da qui a dicembre, si verificheranno. Personale che non verrà rimpiazzato dall’Azienda. «Dieci figure, fra medici e tecnici – hanno fatto sapere alcuni dipendenti – andranno in pensione quest’anno e a cosa andremo incontro non lo possiamo assolutamente sapere. Speriamo fortemente che l’ospedale non chiuda definitivamente ma, stando così le cose, la vediamo dura. Molto dura, specie per il territorio ed il grande bacino d’utenza che serve il nostro ospedale».

LEGGI ANCHE: Black out all’ospedale di Tropea nel reparto di Dialisi, vibrata protesta da parte dei pazienti

Ex Preventorio di Tropea, una “scatola dei ricordi” nel degrado con lavori fermi da oltre vent’anni

Estate a rischio codice rosso in Pronto soccorso: mancano medici, l’Asp di Vibo ne cerca dieci

Crolla un controsoffitto allo Jazzolino, Lo Schiavo: «Situazione da Terzo mondo»

top