sabato,Aprile 13 2024

Sanità pubblica al collasso, Talerico: «Aboliamo i test di medicina»

Il consigliere regionale: «Si valutino convenzioni con i medici del nord (molti dei quali meridionali), che potrebbero accettare di avere incarichi periodici in Calabria»

Sanità pubblica al collasso, Talerico: «Aboliamo i test di medicina»

«Per andare in soccorso alla sanità pubblica, innanzitutto dovremmo partire dall’abolizione del numero chiuso in Medicina o perlomeno ridisegnare i termini dei limiti del numero chiuso. Dobbiamo avviare una battaglia importante su questo tema se vogliamo salvare e rilanciare la sanità italiana, che collassa in buona parte del Paese». Lo afferma il consigliere regionale e commissario “Noi moderati”, Antonello Talerico. L’esponente politico rimarca: «Del resto, il ministro Anna Maria Bernini aveva già messo in evidenza la necessità di capire quale fosse il fabbisogno effettivo di medici e sanitari e capovolgere il sistema, adeguando capacità e offerta al fabbisogno. Per questo motivo dobbiamo riproporre a livello nazionale un gruppo di lavoro che coinvolga anche il ministero della Salute, la conferenza delle Regioni e gli ordini professionali sanitari, per individuare una soluzione reale al problema della carenza di medici e altri operatori sanitari. Dobbiamo anche rivedere medio tempore i test che vengono sottoposti ai candidati, spesso trattasi di domande inconferenti che nulla hanno acchè vedere con la futura professione o con le basi culturali richieste per un futuro medico».

Il consigliere Talerico aggiunge: «In Calabria poi, fermo restando le soluzioni provvisorie che si stanno adottando facendo di necessità virtù, sarebbe importante coinvolgere sempre più specializzandi, ma anche studenti dell’ultimo anno e poi rimane la soluzione ulteriore delle convenzioni con i “grandi” medici del nord (molti dei quali meridionali), che potrebbero accettare di avere incarichi periodici in Calabria, così eviteremo per molti malati i viaggi della speranza, i costi per spostarsi in alto territorio, ridurremmo anche i costi della Regione Calabria che versa nelle casse del sistema sanitario delle altre Regioni somme importanti che vengono a mancare all’economia della nostra Regione ed ai futuri investimenti locali, ma cosa importante si potrebbero formare in loco bravi medici proprio attraverso questi luminari che potrebbero sopperire alle deficienze numeriche attuali oltre ad elevare anche la qualità delle singole prestazioni in ragione delle esperienze di fuori Regione specie per talune discipline».

LEGGI ANCHE: Casi Covid in aumento, il sindaco di Nicotera: «Posti letto terminati all’ospedale di Vibo» – Video

Covid, nuovo studio sulla variante Eris: «Sfugge agli anticorpi»

Trasporto emodializzati a Vibo, Mammoliti contro la nuova convenzione tra Asp e Cri: «Gravi disagi»

top