domenica,Luglio 14 2024

Covid, nuovo studio sulla variante Eris: «Sfugge agli anticorpi»

La ricerca dell’Università dell’Usubria pubblicata sulla rivista European journal of internal medicine analizza la nuova mutazione alla luce dell’aumento significativo dei contagi

Covid, nuovo studio sulla variante Eris: «Sfugge agli anticorpi»

Un nuovo studio dell’Università dell’Insubria sulla variante Eris, coordinata da Fabio Angeli del Dipartimento di Medicina e innovazione tecnologica dell’ateneo, spiega perché stanno aumentando i contagi e tutti gli altri indicatori della pandemia. La maggiore resistenza agli anticorpi e la inalterata capacità trasmissiva e di legame alle nostre cellule della variante EG.5 rispetto alle precedenti e temute varianti Omicron spiegherebbe l’aumento degli indicatori (numero di casi positivi, tasso di occupazione dei letti di terapia intensiva, decessi e tasso di positività ai tamponi) anche nel nostro Paese (+43,4% i casi positivi, +44,6% i decessi nell’ultima settimana, rispetto la precedente). I risultati spiegano anche perché questa variante sta diventando dominante (in Italia è presente in almeno il 40% dei sequenziamenti) e fanno affievolire le speranze che le nuove varianti (compresa la Eris) possano diventare col tempo meno diffusive.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista European Journal of Internal Medicine da un gruppo di studio dell’Università dell’Insubria coordinato dal professor Fabio Angeli, docente di Malattie dell’apparato cardiovascolare del Dipartimento di Medicina e innovazione tecnologica che ha firmato l’articolo con Martina Zappa, biotecnologa dell’Insubria, Andrea Andolina, infettivologo di Ics Maugeri, e Paolo Verdecchia, ricercatore cardiovascolare di Perugia. Dopo che il 9 agosto l’Organizzazione mondiale della sanità ha designato la EG.5 come nuova variante “di interesse” del Sars-CoV-2, i ricercatori hanno analizzato quanto e come è cambiata questa variante e quale possa essere il suo contributo all’incremento dei contagi e del tasso di ospedalizzazione e mortalità osservati nelle ultime settimane a livello globale.

Lo studio dell’Università dell’Insubria ha valutato l’effetto di una particolare mutazione (F456L) avvenuta a livello della proteina Spike del virus, che conferirebbe a questa variante una maggiore capacità di sfuggire alle difese anticorpali (generate sia da precedenti infezioni che dai vaccini). In particolare, gli autori dello studio hanno dimostrato che questa nuova mutazione fa mantenere ad EG.5 le stesse capacità funzionali e trasmissive delle precedenti varianti Omicron che hanno dominato lo scenario pandemico degli ultimi mesi. «Ora più che mai – spiega Angeli – è importante continuare a studiare e monitorare la diffusione delle varianti del virus, anche per indirizzare le future strategie preventive». (Ansa)

LEGGI ANCHE: Covid: aumento significativo dei contagi in tutta Italia

Ospedale Serra, il comitato al commissario Battistini: «La sanità necessita di una rianimazione»

Casi covid in aumento, il sindaco-infermiere Marasco: «All’ospedale di Vibo terminati i posti letto»

Articoli correlati

top