martedì,Febbraio 7 2023

Covid, in Calabria contagi in calo del 44%: i dati del Vibonese

Casi in diminuzione ma la situazione negli ospedali è stabile. I dati diffusi dalla fondazione Gimbe

Covid, in Calabria contagi in calo del 44%: i dati del Vibonese

Diminuiscono i casi Covid in Calabria. Tra il 13 e il 19 gennaio si registra un miglioramento dell’incidenza del virus per 100.000 abitanti (117,4) e si evidenzia un calo dei nuovi contagi (-44,9%) rispetto alla settimana precedente. Sopra media nazionale i posti letto in area medica (16,3%) e in terapia intensiva (3,2%) occupati da pazienti positivi. I dettagli emergono dall’ultimo monitoraggio settimanale realizzato dalla Fondazione Gimbe. [Continua in basso]

«La percentuale di popolazione over 5 anni che non ha ricevuto nessuna dose di vaccino – è detto nel report – è pari al 13,4% (media Italia 10,8%) a cui aggiungere la popolazione over 5 anni temporaneamente protetta, in quanto guarita da Covid-19 da meno di 180 giorni, pari al 0,7%. La percentuale di popolazione over 5 anni che non ha ricevuto la terza dose di vaccino è pari a 18,1% (media Italia 12,1%) a cui aggiungere la popolazione over 5 anni guarita da meno di 120 giorni, che non può ricevere la terza dose nell’immediato, pari al 1,5%. Il tasso di copertura vaccinale con quarta dose è del 13,7% (media Italia 30,4%) mentre il tasso di copertura vaccinale con quinta dose è del 5,4% (media Italia 13%). La popolazione 5-11 che ha completato il ciclo vaccinale è pari 41,2% (media Italia 35,3%) a cui aggiungere un ulteriore 3,9% (media Italia 3,2%) solo con prima dose». Dall’ultima rilevazione Gimbe emerge, inoltre, che a livello provinciale i nuovi casi per 100.000 abitanti sono suddivisi come segue: Catanzaro 140 (-47,4% rispetto alla settimana precedente); Crotone 127 (-35%); Cosenza 125 (-43,9%); Vibo 93 (-18%); Reggio (-51,3%).

LEGGI ANCHE: Carenze di organico, esoneri e Covid: a nefrologia e dialisi di Vibo continua il lavoro straordinario

Gli operatori dei centri vaccinali scrivono ad Occhiuto: «Reintegrateci»

Articoli correlati

top