Ictus cerebrale, a Vibo la tre giorni sulla ricerca

Per la VII edizione del Premio Hipponion Iso Stroke, dal 22 al 24 novembre confluiranno in città esperti internazionali
Per la VII edizione del Premio Hipponion Iso Stroke, dal 22 al 24 novembre confluiranno in città esperti internazionali
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Nonostante la sanità, in Calabria, resti l’eterna “ammalata”, Vibo Valentia, spesso in più che positiva  controtendenza, continua a rimanere uno dei più accreditati momenti di confronto sullo studio e la ricerca nella sanità avanzata. Ad offrire l’ennesima opportunità un appuntamento di straordinaria importanza scientifica: il Premio nazionale per la ricerca sull’ictus cerebrale, giunto alla sua VII edizione. L’evento, ideato 15 anni fa dal neurologo Domenico Consoli, già presidente, tra l’altro, della Società italiana di neurologia e primario emerito del “G. Jazzolino”, insieme ad un collega anch’egli di notevole prestigio internazionale e vibonese, Domenico Inzitari, cresce nella sua statura istituzionale e da quest’anno ha un valore aggiunto. Lo Stroke National Prize cambia, infatti, veste e diventa Premio Nazionale “Hipponion – ISO Stroke” per la migliore ricerca sull’ictus. Il Premio 2019 verrà assegnato a due giovani ricercatori cui andranno, 3000 euro ciascuno, uno per la miglior ricerca clinica, un altro per la miglior ricerca di base che presenteranno studi e lavori originali non ancora pubblicati sulle riviste internazionali. Quest’anno sono 40 i lavori  presentati, quasi a conferma che lo stato della ricerca in Italia sembra in buona salute. Di questi ne sono stati selezionati 12 che saranno portati all’attenzione, durante lo svolgimento dei lavori, e giudicati, da un team di esperti. Alla presidenza del Premio, per il 2019, con Domenico Consoli è stato chiamato anche il prof. Danilo Toni, dell’Università di Roma, presidente di  ISO, Italian Stroke Organization, la più grande ed autorevole società scientifica di settore. La VII edizione del Premio nazionale per la ricerca sull’ictus cerebrale si svolgerà dal  22 al 24 novembre 2019, a Vibo Valentia, al 501 hotel, presenti, tra gli altri, i massimi esperti nazionali sullo studio e la gestione della patologia. Notevole la rappresentanza calabrese considerato l’alto l’interesse sull’evento. [Continua sotto la pubblicità]

Informazione pubblicitaria
Il dottor Domenico Consoli
Domenico Consoli

Come si ricorderà i seminari associati alle prime sei edizioni dell’Hipponion Stroke National Prize hanno esplorato il ben noto e devastante impatto di un ictus cerebrale non soltanto sulla salute di chi ne è affetto, ma anche sull’equilibrio affettivo, familiare e sociale. Oggi la conferenza che preannuncia interventi di rilevante novità scientifica e che verranno affiancati alla presentazione dei migliori lavori di ricerca, inediti, sull’ictus cerebrale, avrà per titolo: “Millevoci di un’idea: i sottotipi dell’ictus”, consentendo di discutere degli aspetti etiopatogenetici e terapeutici “classici”, oltre che delle necessità di affinare la diagnostica e di individualizzare meglio la terapia. Previsto anche un focus sulle malattie extrapiramidali, degenerative, di epilessia post stroke, dei nuovi fattori di rischio, di neuro infiammazione e neurodegenerazione, di prevenzione antiaggreganti, di depressione poststroke, di dolore, difettualità cognitiva e demenza. Con una ulteriore attenzione alla interventistica neuro vascolare. Necessariamente si spazierà anche, chiarendole, su quelle incertezze diagnostiche cliniche e neuro-radiologiche che hanno ricadute ed implicazioni terapeutiche. Il confinante territorio diagnostico neuroradiologico e clinico tra sclerosi multipla e stroke minore e tra encefalopatia vascolare ed SM misconosciuta ed inveterata pone delle necessità di approfondimento che saranno oggetto di un apposito spazio.