Coronavirus, la Santelli “blinda” Serra San Bruno

La presidente della Giunta regionale con ordinanza vieta gli spostamenti dal territorio comunale, ma il divieto di movimento da un comune ad un altro è già stato deciso ieri da Viminale e Ministero della Salute in tutta Italia
La presidente della Giunta regionale con ordinanza vieta gli spostamenti dal territorio comunale, ma il divieto di movimento da un comune ad un altro è già stato deciso ieri da Viminale e Ministero della Salute in tutta Italia
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria
Jole Santelli

Ordinanza del presidente della Giunta regionale, Jole Santelli, per il territorio comunale di Serra San Bruno in materia di igiene e sanità pubblica. Dopo che quattro cittadini sono risultati positivi al Coronavirus (uno è ricoverato all’ospedale di Vibo Valentia), la presidente della Regione ha ordinato il divieto di allontanamento e di accesso da e per il territorio comunale di Serra San Bruno. Un’ordinanza su tale punto perfettamente inutile poiché già nella giornata di ieri altra ordinanza dei ministri dell’Interno e della Salute vieta in tutta Italia di spostarsi da un comune ad un altro se non per ragioni di lavoro, assoluta urgenza o motivi di salute. Continua dunque il “balletto” fra Governo e Regioni che continuano ad emettere ordinanze sulle medesime materie. L’ordinanza della Santelli prevede poi la sospensione delle attività degli uffici pubblici di Serra San Bruno, “fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità” di cui non viene però fornita nell’ordinanza alcuna indicazione. Dal territorio comunale di Serra, l’ordinanza firmata da Jole Santelli prevede la possibilità di ingresso e transito per gli operatori socio-sanitari, il personale impegnato nei controlli e nell’assistenza alle attività riguardanti l’emergenza, nonché gli esercenti le attività consentite sul territorio e quelle strettamente strumentali alle stesse, con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione individuale. Restano aperti, naturalmente, supermercati, farmacie, tabacchini ed edicole. [Continua dopo la pubblicità]

Informazione pubblicitaria

L’ordinanza viene motivata con la necessità di prevenire a Serra San Bruno nuovi contagi. Il Dipartimento di Prevenzione dell’Asp di Vibo ha evidenziato le difficoltà riscontrate in fase di attività di indagine epidemiologica che non hanno consentito, al momento, di individuare la fonte di contagio e, pertanto, “non può escludersi che il dato dei contagiati sia suscettibile di considerevole incremento”. Oltre ai quattro positivi, a Serra San Bruno – per come si legge nell’ordinanza – i cittadini in isolamento domiciliare preventivo sono 40.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, un caso positivo a Fabrizia

Serra, negativo il tampone su quattro sanitari del “San Bruno”