Coronavirus Vibo center, l’Asp: «Chi si è recato nei due negozi ci contatti»

L’Azienda mette a disposizione i numeri di telefono e indica le prescrizioni da seguire per chi si è trovato nei due esercizi commerciali dall’8 al 10 giugno
L’Azienda mette a disposizione i numeri di telefono e indica le prescrizioni da seguire per chi si è trovato nei due esercizi commerciali dall’8 al 10 giugno
Informazione pubblicitaria
Sanificazione nei locali del Vibo Center
Informazione pubblicitaria

Informazione pubblicitaria

In merito all’ultimo caso di coronavirus registrato a Vibo Valentia, l’Azienda sanitaria provinciale comunica a chiunque abbia «avuto un contatto stretto» con il personale dei negozi L’Aquilone e Moda flash, entrambi siti all’interno del centro commerciale Vibo Center in cui prestava servizio il cittadino pakistano contagiato, in particolare nei giorni dell’8, 9 e 10 giugno, a contattare il dipartimento di Prevenzione ai numeri 3387121086, 3355322273, 3387141463  nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 8.30 alle 14; e martedì e giovedì dalle ore 8.30 alle 14 e dalle 15.30 alle 18.30. Mentre il sabato, dalle 8.30 alle 14 si può chiamare il numero 3387141463 e la domenica, stesso orario, il numero 3355322273.

Sanificazione in corso al Vibo Center

In particolare, l’Asp invita a comunicare tutti coloro che: hanno avuto una permanenza di oltre 15 minuti; hanno avuto strette di mano; e hanno avuto un contatto diretto con secrezioni con il personale in servizio. «Ciò al fine di effettuare una valutazione del rischio legata al tipo di contatto avuto e programmare eventualmente, l’effettuazione del tampone naso-faringeo per la ricerca del Sars-Cov2. Si rappresenta infine, che il dipartimento di Prevenzione, in collaborazione le autorità giudiziarie – conclude la nota – ha già messo in atto ogni azione epidemiologico-organizzativa per mettere in sicurezza la comunità dell’area territoriale coinvolta, mediante interventi mirati a interrompere la possibile catena di trasmissione: chiusura dei locali commerciali interessati, effettuazione dei tamponi e messa in quarantena dei dipendenti, sanificazione straordinaria di tutti i locali comuni all’interno del centro commerciale».