Assistenza ai disabili, il Comune alle associazioni: «Servizio al via»

Dopo l’appello a mezzo stampa arriva la risposta del sindaco Maria Limardo: «Prestazioni già assegnate a cooperativa di Paola, si parte mercoledì 22 luglio»
Dopo l’appello a mezzo stampa arriva la risposta del sindaco Maria Limardo: «Prestazioni già assegnate a cooperativa di Paola, si parte mercoledì 22 luglio»
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Arriva la risposta del Comune di Vibo Valentia alle richieste avanzate dalle associazioni che si battono per i diritti dei disabili Uici, Ens, Anmil e Unitalsi in relazione alle richieste finalizzate a migliorare la qualità della vita dei propri assistiti. A rispondere all’appello, «per quanto di stretta competenza del Comune relativamente all’assistenza domiciliare integrata», è direttamente il sindaco Maria Limardo che fa il punto «sull’attuale stato della pratica».

Quindi ricostruisce come «questo Comune, con determinazione del 22 giugno, ha aggiudicato definitivamente alla cooperativa Adiss di Paola (Cs), il servizio di assistenza domiciliare integrata con l’assistenza sanitaria per le persone non autosufficienti di età inferiore ad anni 65». [Continua]

Informazione pubblicitaria

La procedura di gara, si aggiunge, «è stata avviata con determina n. 111 del 3 febbraio ed ha subito rallentamenti a causa della situazione di emergenza determinatasi dalla diffusione del Covid19 che ha creato un considerevole ritardo nelle attività amministrative. Il servizio – precisa il sindaco – è reso in favore di soggetti non autosufficienti di età inferiore a 65 anni affetti da malattie croniche invalidanti e/o progressivo-terminale in condizioni di fragilità e limitazioni dell’autonomia, residenti nei comuni facenti parte del Distretto n. 1: Vibo Valentia, Filadelfia, Francavilla Angitola, Filogaso, Francica, Ionadi, Maierato Monterosso, Pizzo, Polia, S. Costantino Calabro, S. Gregorio d’Ippona, S. Onofrio, Stefanaconi, Mileto».

L’iniziativa è finanziata con risorse della Regione Calabria “Fondo per la non autosufficienza anno 2015”, destinate all’attivazione o implementazione di prestazioni di natura socio-assistenziale del servizio di assistenza domiciliare integrata. «L’elenco dei beneficiari – conclude Limardo – è stato trasmesso alla cooperativa aggiudicataria il 17 luglio e l’avvio delle attività è fissato per il 22 luglio». Nel loro appello, le associazioni lamentavano, tra le altre cose, la mancata risposta del Comune circa le problematiche rappresentate. Risposta ora pervenuta alle stesse a mezzo stampa e dopo la diffusione dell’appello.