Emergenza Covid, a Vibo si riunisce la Conferenza dei sindaci

Il presidente Maria Limardo convoca la seduta per venerdì 6 novembre: «Il pericolo viene dal sistema sanitario debole, urgente confrontarsi con l’Asp»
Il presidente Maria Limardo convoca la seduta per venerdì 6 novembre: «Il pericolo viene dal sistema sanitario debole, urgente confrontarsi con l’Asp»
Informazione pubblicitaria
Il sopralluogo del sindaco Limardo allo Jazzolino nel corso della prima ondata

Il presidente della conferenza di sindaci, Maria Limardo, ha proceduto alla convocazione dell’assemblea dei primi cittadini per venerdì 6 novembre, ore 10, nella sala consiliare del Comune di Vibo Valentia con possibilità di collegamento da remoto. Un unico punto all’ordine del giorno della seduta: “Analisi della situazione nella nuova fase emergenziale, organizzazione aziendale sanitaria e misure di contrasto in atto (misure di prevenzione Dpi, numero posti letto e condizioni ospedaliere, servizio di emergenza 118, medicina sul territorio)”.

«Teniamo alta la guardia – dice il sindaco di Vibo Maria Limardo -, la Conferenza è l’occasione per fare il punto sull’organizzazione dei servizi e programmare le azioni per le prossime settimane. La Calabria, purtroppo, è tra le regioni italiane considerate a maggiore rischio per il Covid-19 perché le risorse umane del sistema sanitario sono ridotte, pochi medici e infermieri, ci sono problemi nella raccolta e nella comunicazione dei dati epidemiologici. In Calabria, purtroppo, il pericolo viene dal sistema sanitario debole. Su questo i sindaci vogliono vederci chiaro e approfondire le misure di contrasto nella nuova fase emergenziale. Confrontarsi con l’Azienda sanitaria provinciale è doveroso ed urgente per concordare ogni utile iniziativa da intraprendere».