lunedì,Agosto 8 2022

A Mileto il primo presidio misto in Calabria di “Nati per la musica” e “per leggere”

La sede dell’organizzazione nazionale no profit sarà inaugurata il prossimo 22 giugno nella città normanna, all’interno del Cantiere musicale internazionale

A Mileto il primo presidio misto in Calabria di “Nati per la musica” e “per leggere”

Nasce a Mileto la prima sede calabrese di “Nati per la musica”. La realtà tesa a promuovere l’esperienza musicale in famiglia come strumento di relazione, già durante la gravidanza, per uno sviluppo migliore del bambino nelle prime epoche della vita, sarà anche presidio di “Nati per leggere”. La sezione dell’organizzazione nazionale no profit verrà ospitata all’interno del “Cantiere musicale internazionale” ubicato nell’ottocentesco palazzo San Giuseppe. La cerimonia inaugurale si terrà il prossimo 22 giugno alle 18, alla presenza del vescovo della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, monsignor Attilio Nostro, del sindaco Salvatore Fortunato Giordano e di altre autorità territoriali.

«Il Cmi – sottolinea oggi il noto maestro di pianoforte Roberto Giordano, direttore e fondatore della realtà di alta formazione musicale – è nato più di dieci anni fa con l’intento di offrire ai giovani musicisti l’opportunità di formarsi con l’ausilio di maestri di chiara fama internazionale che, in questi anni, hanno colto il nostro invito e si sono prodigati per garantire a ragazzi provenienti da diversi paesi del mondo (Israele, Svizzera, Giappone, Belgio ecc.) una formazione d’eccellenza proprio a Mileto. Nonostante la poca attenzione delle Amministrazioni Regionali, che si sono succedute negli anni e che avrebbero dovuto riconoscere il lustro che la nostra istituzione sta portando alla Calabria intera – aggiunge con un velo di amarezza – abbiamo scommesso in questa impresa e la gratitudine dei ragazzi che noi formiamo, unitamente alle gratificazioni professionali che ottengono quotidianamente, sono la nostra forza. Il riconoscimento ottenuto da Npm e Npl è per tutti noi motivo di orgoglio e conferma che la qualità del lavoro svolto finora è riconosciuta al di fuori del nostro territorio regionale». [Continua in basso]

«Mi piace pensare e ricordare a chiunque varchi la porta del Cantiere – afferma dal canto suo il referente del progetto Rita Emanuela Galvagno – che la nostra scuola è un’isola felice messa a disposizione di chiunque ami la musica. Per questa ragione abbiamo ritenuto doveroso, come educatori e come genitori consci di quanto l’avvicinamento alla musica e alla lettura in età pediatrica contribuisca allo sviluppo psicofisico del bambino, avviare un percorso per i più piccoli, di fascia d’età 0-6 anni, in ossequio alle linee guida nazionali di Npm e Npl. Nell’intento di garantire la fruizione delle attività a tutti i bimbi di tutto il territorio regionale, anche alla luce della recente creazione a Mileto del Centro di salute mentale di riferimento per il territorio provinciale – aggiunge l’avvocato – abbiamo coinvolto nel nostro progetto l’associazione “Libellula Afasp”, già convenzionata con l’assessorato alle Politiche sociali del Comune di Catanzaro e con l’Asp di Catanzaro che ci supporterà nella realizzazione di eventi che riguarderanno anche i piccoli affetti da disturbi psichici. Contiamo di avviare, da settembre, una programmazione che coinvolga i bambini della fascia d’età predetta, le famiglie e i nonni, anche ricoverati presso le Rsa».

Le realtà che hanno sottoscritto il protocollo di intesa – oltre al Cmi e  all’associazione “Libellula Afasp” – sono il Comune di Mileto e la locale Scuola dell’Infanzia “San Giuseppe”. Nel corso della cerimonia inaugurale del 22 giugno sarà proposto ai presenti l’evento “Ti racconto cantando la storia di un grande re”, dedicato ai bambini, accompagnati dalle famiglie e dagli operatori scolastici delle scuole dell’infanzia e primaria.

Articoli correlati

top