sabato,Marzo 2 2024

Autonomia differenziata, Libera Calabria scende in campo: «Progetto inquietante»

Il sodalizio promuove una serie di iniziative che toccheranno anche Vibo Valentia. L’obiettivo è quello di discutere del ddl Calderoli e dei rischi per il Sud

Autonomia differenziata, Libera Calabria scende in campo: «Progetto inquietante»

«Sabato 7 ottobre saremo in piazza a Roma perché siamo tutte e tutti preoccupati dalla violazione dei princìpi costituzionali di solidarietà, uguaglianza e indivisibilità della Repubblica che si verificherebbe se venisse attuato il progetto inquietante di Autonomia differenziata contenuto nel ddl Calderoli». Lo scrive il Coordinamento regionale di Libera aggiungendo: «Se la riforma passasse la garanzia dei diritti sul territorio nazionale sarebbe persa, aumenterebbero le disuguaglianze, si renderebbe più incerto il diritto alla salute, al lavoro, alla mobilità, all’accesso ai servizi e all’ambiente. Il ddl spaccherebbe il Paese realizzando un regionalismo asimmetrico competitivo e non solidale, si andrebbero ad accettare le differenze, istituzionalizzando la povertà e questo per le mafie sarebbe un enorme vantaggio».

Intanto «mentre la politica gioca a creare piccole patrie e ad alzare muri, il welfare sostitutivo mafioso, che abbiamo visto esplodere a causa dei tagli alle politiche sociali, avrebbe un’impennata, consentendo alle mafie di offrirsi come unica soluzione nei luoghi abbandonati dalla politica e dalle istituzioni. Una differenziazione dei diritti, che noi calabresi conosciamo bene per tutto ciò che, ad esempio e non solo, concerne il tema della sanità nella nostra regione o anche rispetto alla triste tendenza che vede i nostri giovani, la parte più produttiva, costretti a lasciare la Calabria per mancanza di opportunità, mentre oltre un terzo di quelli che rimangono non studia e non lavora. A dispetto dei tanti campanelli d’allarme, l’autonomia differenziata pare ricevere il plauso da parte del governo regionale, che sembra rispondere, ancora una volta, più ad interessi di parte che non ai reali interessi dei cittadini calabresi».

«Nonostante gli effetti devastanti di questa riforma in uno scenario già fortemente compromesso, di autonomia differenziata se ne parla poco e male. Pertanto abbiamo sentito forte la necessità di organizzare una serie di iniziative alle quali parteciperanno amministratori, pezzi importanti della Chiesa calabrese, rappresentanti delle altre realtà sociali promotrici della mobilitazione del 7 ottobre: Cgil, Anpi ed Arci. Una serie di incontri, ai quali invitiamo a partecipare le cittadine ed i cittadini calabresi per capirne di più e meglio, che vedranno l’intervento, anche, di Elisa Sermarini del settore politiche sociali di Libera e responsabile comunicazione della Rete dei Numeri Pari».

Si parte giovedì 28 settembre alle ore 17:30 presso la Sala Concerti del comune di Catanzaro, per proseguire venerdì 29 settembre alle ore 17:00 nella Sala Margherita del centro storico di Crotone. Ma anche momenti di confronto e dialogo con le studentesse e gli studenti del Liceo Classico “M. Morelli” di Vibo Valentia, venerdì 29 settembre alle ore 11:00, e presso l’Istituto “Erodoto di Thurii” di Cassano All’Ionio, alle ore 10:30 di sabato 30 settembre. «Passi importanti di consapevolezza e responsabilità verso la mobilitazione generale del 7 ottobre in difesa, ancora una volta, della nostra Costituzione sicuramente la più bella, ma di certo la più disattesa ed inapplicata», chiosa Libera Calabria.

LEGGI ANCHE: Autonomia differenziata, la giunta comunale di Briatico: «Si rischia un Paese a due velocità»

Elly Schlein a Vibo tra diritti sociali e civili per costruire un’alternativa alle destre

Al “Serre in Festival” si parla di autonomia differenziata, l’incontro a San Nicola da Crissa – Video

Articoli correlati

top