sabato,Luglio 13 2024

Accoglienza crocieristi a Vibo Marina, la Pro Loco: «Nessun supporto dal Comune»

L'associazione punta il dito contro l'amministrazione poiché, nonostante una riunione organizzativa al palazzo comunale, all'atto pratico è mancato anche il minimo da offrire ai turisti

Accoglienza crocieristi a Vibo Marina, la Pro Loco: «Nessun supporto dal Comune»

Dopo il primo approdo del 17 ottobre proveniente da Nizza, ha fatto la sua seconda toccata nel porto di Vibo Marina la nave da crociera “La Belle des Oceans”, questa volta partita da Malta dopo aver imbarcato circa 120 ospiti. Alle ore 8, ad attendere la nave sulla banchina Bengasi era presente soltanto uno sparuto gruppo di persone, in maggior parte appartenente alla Security portuale e alla Capitaneria di Porto. Ai crocieristi sbarcati dalla nave sono stati poi offerti, da parte di giovani volontari della Pro Loco, prima dell’imbarco sui bus per le escursioni, pubblicazioni promozionali in italiano e in inglese, edite dalla medesima associazione turistica e dalla Camera di Commercio vibonese. “Questa volta, contrariamente a quanto avvenuto in occasione del primo scalo, non vi è stata l’atmosfera festosa creata dalla danza dei Giganti che avevano coinvolto, con le loro evoluzioni al suono frenetico dei tamburi, l’equipaggio e i passeggeri della nave. Certamente poco rispetto all’accoglienza messa in atto in altri porti, – evidenzia la Pro Loco di Vibo Marina – ma stavolta è mancato anche quel poco, nonostante la riunione organizzativa tenutasi nel palazzo comunale il 5 ottobre. Un esempio di tradizione popolare, quella legata alla danza dei Giganti, che era stata molto apprezzata il 17 ottobre, al punto che il comandante della nave ha espresso il suo rammarico per la mancata replica della modesta ma significativa manifestazione di accoglienza”. La locale associazione ha inoltre precisato che aveva provveduto autonomamente a finanziare la presenta dei Giganti durante la prima sosta in porto della nave, ma che per la riproposizione dello spettacolo folkloristico di accoglienza “nessun supporto vi è stato da parte dell’ente locale”. Una macchina organizzativa che sicuramente avrebbe bisogno di una messa a punto, anche in previsione degli altri quattro approdi previsti nel mese di dicembre per l’altra nave, “ La Belle de l’Adriatique”, della compagnia di navigazione franco-belga CroisiEurope, che ha inserito anche il porto di Vibo Marina negli itinerari crocieristici nel Mediterraneo. Da sottolineare che due delle quattro “toccate” della nave avverranno a ridosso delle principali festività del periodo natalizio, precisamente il 23 e il 30 dicembre, motivo in più per organizzare in tempo un’accoglienza che sia in sintonia con l’atmosfera delle feste.

LEGGI ANCHE: Navi da crociera a Vibo Marina tra opportunità, servizi da rivedere ed enti che devono fare la loro parte

Crociere autunnali, un esempio di turismo destagionalizzato che aiuta l’economia di Vibo

Porto di Vibo Marina: portacontainer sostano su strada per mancanza di posto sulla Banchina

top