lunedì,Marzo 4 2024

Estate 2023 in Calabria: il report di Unioncamere sull’economia del turismo

Pianificazione, sviluppo e monitoraggio della regione attraverso l'analisi dei dati. Ecco cosa rivela lo studio

Estate 2023 in Calabria: il report di Unioncamere sull’economia del turismo

Si è svolto nei giorni scorsi, in modalità webinar, il “focus group per la lettura condivisa dei dati sul turismo per la pianificazione, lo sviluppo e il monitoraggio del territorio Calabria” organizzato da Unioncamere Calabria, in collaborazione con le Camere di Commercio di Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia, Cosenza e Reggio Calabria, nell’ambito delle iniziative previste dal progetto “Sostegno del turismo” del Fondo di Perequazione 2021-22, con il supporto tecnico-scientifico di Isnart, Istituto Nazionale Ricerche Turistiche. Nel corso dell’evento on line è stata presentata l’indagine svolta da Isnart per conto di Unioncamere e di Unioncamere Calabria, nell’ambito dell’Osservatorio sull’Economia del Turismo delle Camere di Commercio che ha investito nel corso dell’estate 2023 un campione di 1.253 visitatori italiani e stranieri durante il loro soggiorno nella regione al fine di rilevare i comportamenti turistici e di consumo. «Si conferma, attraverso la lettura dei risultati dell’indagine presentata, la forte incidenza turistica dei “repeater”, ovvero coloro che ritornano in Calabria (43%) – commenta Antonino Tramontana, presidente di Unioncamere Calabria – dato nettamente superiore al 15% della media nazionale. Internet influenza, inoltre, la scelta di quasi un turista su due (48%), quota che sale al 75,4% nel caso di Reggio Calabria. In linea con il dato medio nazionale, l’estate 2023 si caratterizza ad ogni modo per una spesa maggiore per l’alloggio (66,4 euro) che ha influenzato i consumi sul territorio (51,4 euro). Consumi – a macchia di leopardo – sui territori: si spende di più per acquisti di beni e servizi in provincia di Reggio Calabria, di meno a Cosenza dove, però, è maggiore l’incidenza di chi soggiorna in strutture ricettive. Il focus group ha inteso costituire un importante momento di condivisione tra i diversi portatori d’interesse del territorio sulle strategie prioritarie per lo sviluppo del sistema turistico regionale e per la qualificazione dell’offerta – aggiunge Tramontana – nonché un’opportunità di riflessione anche sull’azione di supporto che viene resa disponibile da parte del sistema delle Camere di commercio calabresi. Al fine di valorizzazione la messa a sistema delle risorse e delle competenze in tema di sostegno al Turismo regionale – conclude Tramontana – diventa cruciale la capacità di stringere collaborazioni strategiche tra le Istituzioni, proprio in questa direzione Unioncamere Calabria ha sottoscritto due protocolli d’intesa con i Dipartimenti regionali Sviluppo Economico e Attrattori Culturali e Territorio e Tutela dell’Ambiente». Tale indagine si colloca all’interno del progetto “Sostegno del turismo” che prevede, tra le linee di attività, il presidio dell’informazione economica attraverso l’implementazione dell’ “Osservatorio sull’Economia del Turismo delle Camere di Commercio”, il primo ecosistema digitale nazionale realizzato per dare supporto alle strategie della Pa centrale e locale,  che utilizza sistemi integrati di lettura dei fenomeni turistici (banche date ufficiali, big data, indagini field su territorio). Lo strumento si pone a servizio della progettazione delle Pubbliche amministrazioni ma anche del sistema economico territoriale. Inoltre, Unioncamere Calabria con il supporto tecnico scientifico di Isnart e in sinergia con il Dipartimento Territorio e Tutela dell’Ambiente della Regione Calabria ha previsto anche dei sovra-campionamenti per l’analisi del cicloturismo in Calabria.

LEGGI ANCHE: Vibo, valorizzazione del territorio comunale: interventi per il centro città e Vibo Marina

Spiagge di Pizzo: a lezione di tedesco e di svedese per contrastare… l’inciviltà

top