sabato,Febbraio 24 2024

Vibo, Libera aderisce alla manifestazione dell’Anci contro l’autonomia differenziata

Il coordinamento provinciale dell'associazione antimafia sarà accanto agli Amministratori locali, domani, davanti alla Prefettura

Vibo, Libera aderisce alla manifestazione dell’Anci contro l’autonomia differenziata
La Prefettura di Vibo

“Aderiamo convintamente alla mobilitazione promossa dall’Anci e prevista per domani mattina, martedì 13 febbraio alle ore 10:00 davanti la Prefettura di Vibo Valentia. L’autonomia differenziata prevista dal disegno di legge Calderoli rischia di frantumare il Paese – ha dichiarato Libera Vibo – mettendo a rischio l’unità giuridica ed economica della Repubblica così come prevista dagli artt. 2, 3 e 5 della nostra Carta costituzionale, con conseguenze devastanti sul futuro di milioni di cittadine e cittadini ed enormi complicazioni nel governo delle singole materie. Si realizzerebbe un danno enorme ai singoli ma anche alle imprese e alle pubbliche amministrazioni locali e nazionali. Un disegno di legge che se passasse alimenterebbe il divario tra regioni del nord e regioni del sud ma anche tra aree e territori dello stesso nord, rendendo più incerto il diritto alla salute, al lavoro, all’accesso ai servizi, alla mobilità e all’ambiente realizzando così un regionalismo asimmetrico e non solidale. Quanto previsto non solo lascerebbe sempre più spazio alle privatizzazioni, anteponendo così il profitto ai bisogni ed ai diritti universali di tutte e tutti, ma creerebbe terreno fertile per il proliferare e l’affermarsi del welfare sostitutivo delle mafie. Non abbiamo bisogno di impoverire regioni già economicamente e socialmente fragili, abbiamo necessità che la Repubblica sia una e indivisibile e che si occupi di rimuovere le diseguaglianze attuando i principi di uguaglianza e solidarietà contenuti nel dettato costituzionale. Solo una Repubblica forte e unita può rispondere all’emergenza che oggi le mafie rappresentano. Pertanto, saremo al fianco degli amministratori e delle amministratrici locali a difesa dei nostri diritti contro un disegno secessionista inaccettabile”, ha concluso il Coordinamento provinciale di Libera Vibo Valentia.

LEGGI ANCHE: Autonomia differenziata, a Vibo il Pd scende in campo accanto ai sindaci

top