Archeologia industriale vibonese patrimonio Unesco, tracciata la rotta – Video

Dal ponte borbonico di Pizzo alle tonnare della costa fino alle ferriere di Mongiana: convegno per gettare le basi dell’ambizioso progetto
Dal ponte borbonico di Pizzo alle tonnare della costa fino alle ferriere di Mongiana: convegno per gettare le basi dell’ambizioso progetto
Informazione pubblicitaria
Un momento del convegno di Pizzo
Informazione pubblicitaria

Il fine è ambizioso e, intanto, se ne sa di più sul metodo da seguire per realizzarlo, grazie ad un convegno promosso per far inserire nel patrimonio dell’Unesco il ponte borbonico di Pizzo e i resti dell’archeologia industriale della provincia di Vibo. Il confronto, promosso dalla sezione vibonese del Club per l’Unesco, ha visto arrivare nell’auditorium dell’istituto esperti anche da fuori regione per spiegare i presupposti che potrebbero giustificare una futura candidatura.

È stata Maria Loscrì, anima e motore dell’evento, a illustrare questa che è la prima iniziativa organizzata nel 2020 da un sodalizio che sperimenta un metodo circolare e dal basso «per rendere consapevole la comunità – ha detto la presidente – delle bellezze del territorio e della necessità di tutelarle». Per arrivare alla candidatura, infatti, occorre sviluppare una dettagliata relazione sul fondamento storico che rende unici questi siti, ma soprattutto bisogna creare «una comunità» consapevole dei vari passaggi che coinvolgono le istituzioni locali, regionali e nazionali.

Il convegno, moderato dal giornalista Gregorio Corigliano, ha visto fra gli altri la partecipazione di Lele Nucera, direttore della Scuola di cinematografia della Calabria, a confermare una attenzione che potrebbe tradursi presto nell’inserimento di queste bellezze in qualche progetto specifico dedicato alla comunicazione.

Informazione pubblicitaria