domenica,Luglio 25 2021

Settimana Santa a porte chiuse, ecco come seguire le celebrazioni

Il vescovo di Mileto Luigi Renzo ha diramato le modalità con cui si celebreranno i riti pasquali trasmessi in streaming sul sito della diocesi e sui social

Settimana Santa a porte chiuse, ecco come seguire le celebrazioni
La basilica cattedrale di Mileto

Con l’arrivo della Settimana Santa, il vescovo della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, monsignor Luigi Renzo, entra nel merito delle varie celebrazioni liturgiche che, quest’anno, a causa dell’emergenza coronavirus si svolgeranno a porte chiuse. Tutte le sacre funzioni presiedute dal presule saranno trasmesse in diretta streaming sul sito ufficiale della diocesi, “in modo da consentire ai nostri fedeli di non soffrire più del necessario l’impedimento a partecipare ai riti, attenendoci alle indicazioni fornite dal ministero dell’Interno alla Cei secondo cui “il numero dei partecipanti ai riti della Settimana Santa ed alle celebrazioni similari non potrà che essere limitato ai celebranti, al diacono, al lettore, all’organista, al cantore ed agli operatori per la trasmissione”.

La diretta on line partirà già oggi Domenica delle Palme, con la messa prevista alle 10 nella basilica cattedrale di Mileto. Monsignor Renzo, nell’occasione dà anche alcuni suggerimenti pratici per gestire al meglio questi giorni di crisi, “cadutici in testa inaspettati proprio nel tempo più sacro dell’Anno liturgico quando la fede popolare è più intensa e sentiti. Nei Centri con più parrocchie – spiega – ci si organizzi insieme tutti i parroci per una sola celebrazione liturgica. I sacerdoti che non sono parroci possono prendere parte alla celebrazione in parrocchia con le dovute precauzioni raccomandate per questo periodo”.

Coronavirus, nel Vibonese “affruntate” e processioni rinviate a settembre

Il presule invita, poi, “ad avvalersi per come è possibile dei social in diretta, comunicando ai fedeli gli orari”, fermo restando “che non sarà ammessa la registrazione, per come prevedono le norme della Cei del 1973. Per le celebrazioni della Settimana Santa – aggiunge – occorre attenersi alle direttive della Congregazione per il Culto Divino, già comunicate in precedenza. Sulla necessità dell’autocertificazione, il ministero dell’Interno ha precisato che, pur non essendo un lavoro, il servizio liturgico è assimilabile alle “comprovate esigenze lavorative. Perciò, è detto, “l’autocertificazione dovrà contenere il giorno e l’ora della celebrazione, oltre che l’indirizzo della chiesa ove la celebrazione si svolge”. In conclusione monsignor Renzo raccomanda – negli spostamenti e in chiesa – “l’uso dei dispositivi di sicurezza personale previsti”.

Le altre funzioni in programma nella cattedrale di Mileto che saranno trasmesse in diretta streaming sul sito ufficiale della diocesi saranno: la Messa del Crisma del mercoledì santo con benedizione degli Oli (ore 18), “che saranno ritirati in cattedrale quando sarà possibile”; la messa “In Coena Domini” del giovedì santo (ore 18), quest’anno priva “della lavanda piedi, della processione finale e dell’esposizione”; l’Azione liturgica del venerdì santo (ore 16.30), “seguita dalla Via Crucis interna”; la Veglia pasquale del sabato santo (ore 20), in questo caso “omettendo la benedizione fuoco (sul cero pasquale si segna in anticipo solo l’anno) e la fonte battesimale, e mantenendo la benedizione dell’acqua lustrale”; la Messa della Risurrezione del Signore del giorno di Pasqua (ore 10.30).

Articoli correlati

top