lunedì,Luglio 26 2021

“Pasqua frontiera della pace”, il messaggio del vescovo Renzo

Il presule della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea ricorda ai sacerdoti, ai consacrati e ai fedeli che «siamo tutti figli dello stesso Padre, che fa sorgere il sole sui cattivi e sui buoni»

“Pasqua frontiera della pace”, il messaggio del vescovo Renzo

Pasqua frontiera della pace”. Questo il titolo dell’annuale messaggio inviato in occasione delle festività pasquali dal vescovo LuigiRenzo a sacerdoti, consacrati e fedeli laici della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea.

Nella lettera, prendendo spunto dal tema dell’incontro internazionale tenuto a Bari lo scorso febbraio dai vescovi dell’area del Mediterraneo e dalle parole espresse in quell’occasione da papa Francesco, il presule auspica di vedere tale parte del globo «più che come area geografica e spazio culturale di civiltà» come luogo «in cui il cuore di ognuno di noi è chiamato a trasformarsi in “frontiera di pace” e di accoglienza, quale frutto della Pasqua del Signore. Se vogliamo essere discepoli di Cristo e se vogliamo dirci cristiani – sottolinea – questa è la via, non ce n’è un’altra. Amati da Dio, siamo chiamati ad amare; perdonati, a perdonare; toccati dall’amore, ad amare senza aspettare che comincino gli altri; salvati gratuitamente, a non ricercare alcun utile nel bene che facciamo. Magari ci viene da pensare che in questo Gesù esagera. Arrivando persino a dirci: “Amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano”». [Continua]

La basilica cattedrale di Mileto

Monsignor Renzo prosegue spiegando che, al riguardo, «verrebbe da credere che Gesù parla così per richiamare l’attenzione e per populismo, per cui quello che dice forse non occorre nemmeno prenderlo alla lettera. Nulla di tutto questo. Al contrario, nella circostanza egli è, invece, diretto e chiaro, e afferma senza giri di parole che chi ama Dio non può avere nemici nel cuore e che siamo tutti figli dello stesso Padre, che non fa discriminazioni e che fa sorgere il sole sui cattivi e sui buoni».

Questa è la «nuova frontiera di Pasqua, che elimina tutti i muri, tutte le inimicizie. Ed è su questa frontiera che noi dobbiamo collocarci per essere pronti a tutto per il bene di tutti». Poi – riprendendo la citata omelia di papa Francesco – il vescovo spiega che il cristiano, «in un mondo indifferente e ingiusto come quello di oggi, dove sembra di assistere all’agonia della speranza, non può fare come quei discepoli che prima impugnarono la spada e poi fuggirono. La soluzione non è sfoderare la spada contro qualcuno e nemmeno fuggire dai tempi che viviamo, ma la via di Gesù: l’amore attivo, umile e fino alla fine. Pasqua, allora – puntualizza – non è un evento del passato che annualmente ricordiamo per tradizione: per la potenza dello Spirito Santo è un evento sempre attuale che ci consente di guardare e toccare con fede la carne crocifissa di Cristo in tanti nostri fratelli sofferenti nel corpo e nello spirito per aiutarli ad elevarsi».

2007 Don Mottola 241x300
Don Francesco Mottola

Il presule cita, quindi, quanto scrisse sulla Pasqua don Francesco Mottola nel 1968, un anno prima della sua morte: «È il periodo della primavera. Morì Gesù, il fiore dei fiori. Morì per salire al Cielo nella gloria della Risurrezione e per intercedere per noi. Cristo è il vero fiore dell’umanità». Parole che aprono «alla speranza ed alla gioia della contemplazione, una primavera della vita come immensa frontiera di pace, a cui nessun cristiano può rinunciare».

Infine, il racconto del ricco e del povero, in cui il primo consegnò un cesto di spazzatura al secondo. «Questo gli sorrise e se ne andò col cesto – conclude monsignor Renzo – poi lo svuotò, lo lavò e lo riempì di fiori bellissimi. Ritornò dall’uomo ricco e glielo restituì. L’uomo ricco si stupì e gli disse: “Come mai mi hai donato fiori bellissimi quando io ti ho dato spazzatura?”. L’uomo povero gli rispose: “Ogni persona dà ciò che ha nel cuore”. Fu una grande lezione per quell’uomo che si sentiva superiore e in diritto di fare tutto ciò che voleva. Un po’ come succede all’uomo di oggi che brama ogni cosa a tutti i costi e regala spazzatura al posto di fiori».

top