Carattere

Una rete di Bubas nella ripresa regala ai rossoblù la terza vittoria consecutiva e fa sognare la tifoseria

Un momento della partita
Sport

Bubas torna al gol e contro la Sicula Leonzio regala ad una Vibonese sempre più in crescita la terza vittoria consecutiva, al termine di una partita a tratti sofferta ma giocata con cuore e personalità. Mister Orlandi, senza Altobello e Silvestri, lancia Malberti accanto a Camilleri, nel cuore della difesa, optando per un 4-3-2-1, con Scaccabarozzi terzo di centrocampo, al fianco di Collodel e Obodo, mentre Melillo e Taurino lavorano alle spalle del pivot Bubas. Il primo tempo scorre via nel solco di una sostanziale supremazia territoriale degli ospiti che tengono sotto pressione la retroguardia di casa per i primi venti minuti. Un predominio però sterile, con il solo acuto di Marano che prima della mezz'ora mette i brividi a Mengoni grazie a un tiro di poco a lato. Il pericolo scuote la Vibonese che di rimessa inizia a insidiare la retroguardia ospite. Sono dei rossoblù di Orlandi le occasioni migliori. Ci provano Bubas, con una conclusione fuori misura, e Taurino due volte: con una ciabattata che mette in difficoltà Narciso, quindi con un colpo di testa, su pennellata di Tito, che supera il montante. Nel finale la Sicula Leonzio tenta di sbloccare il risultato con Gammone ma la retroguardia di casa neutralizza. (L'articolo prosegue sotto la pubblicità)

Nella ripresa la gara è più vivace sin dalle prime battute. Orlandi avanza di qualche metro e inverte le posizioni di Melillo e Taurino, passando di fatto al 4-3-3. Al 5’ Melillo conclude di poco a lato dopo una pregevole combinazione sulla sinistra. Sul capovolgimento di fronte sono prima Ripa e poi Sainz Maza ad impensierire Mengoni. La svolta al 15’, quando Bubas spezza il suo digiuno finalizzando una magnifica azione sulla destra: Scaccabarozzi per Finizio che dall'out pennella verso il centravanti argentino che incrocia all'angolino basso della porta difesa da Narciso. Vibonese in vantaggio e stadio in tripudio. La gara si infiamma anche se bisogna attendere il 29’ per aggiornare il taccuino, quando Taurino scivola davanti al portiere dopo una splendida azione dei compagni Bubas e Melillo. La squadra rossoblù tiene così alle corde i siciliani che perdono la verve della prima parte della gara, turbando l'inoperositá di Mengoni solo al 38’ con un tiro cross sventato a pugni chiusi in volo d'angelo. Ma è nel finale che l'estremo rossoblù si supera con una presa plastica su inzuccata di Marano che vale quanto un gol. Finisce 1-0. Vittoria meritata per la Vibonese. I migliori, su tutti, Melillo, Tito e Malberti. Menzione speciale ala torcida rossoblù, dodicesimo uomo in campo.

Seguici su Facebook