lunedì,Maggio 20 2024

All’Istituto Nautico di Pizzo il battesimo del mare e dell’aria per accogliere le matricole – Video

La cerimonia organizzata dal dirigente scolastico Francesco Vinci: «I ragazzi che si diplomano da noi, immediatamente vengono chiamati dalle compagnie»

All’Istituto Nautico di Pizzo il battesimo del mare e dell’aria per accogliere le matricole – Video
La gara in canoa degli studenti dell'Istituto Nautico di Pizzo durante il battesimo del mare

Anche quest’anno l‘Istituto Nautico di Pizzo ha celebrato il battesimo del mare e dell’aria. Una manifestazione che ogni anno richiama nella cittadina turistica del Vibonese centinaia di persone. Una giornata dedicata alle matricole che si preparano ad affrontare un percorso di studi, al termine del quale potranno ottenere un diploma che darà loro la possibilità di diventare comandanti di navi o direttori di macchine.

La cerimonia si è svolta nell’atrio della scuola, alla presenza delle massime autorità civili, istituzionali e religiose della provincia, oltre agli studenti e al personale scolastico al completo. Il sindaco di Pizzo Sergio Pititto ha sottolineato l’importanza dell’Istituto Nautico, «una comunità viva – ha detto – che rappresenta al meglio il territorio». Sulla stessa lunghezza d’onda il procuratore di Vibo Camillo Falvo: «Il vero avamposto di legalità – ha detto rivolgendosi ai ragazzi – è la scuola».

Una festa, il battesimo del mare, che da 11 anni organizza il dirigente scolastico Francesco Vinci: «Mi impegno al massimo affinché questa scuola raggiunga livelli altissimi». E i risultati non mancano. L’Istituto Nautico è la scuola che al termine del ciclo di studi registra il più alto tasso di occupazione. «Nel momento in cui i ragazzi si diplomano – ha confermato il preside – immediatamente vengono chiamati dalle compagnie di navigazione». Al termine della solenne cerimonia la benedizione e la deposizione di una corona d’alloro in memoria dei dispersi e delle vittime del mare da parte dell’associazione Gente di Mare con l’ausilio del Gruppo subacqueo sommozzatori Paolano e di quello “Frogmen Team ” di Briatico. La giornata si è conclusa con la sfida nelle acque di Pizzo degli studenti del corso di canottaggio, mentre in cielo sorvolavano i deltaplani e con la simulazione di un’operazione di soccorso in mare a cura della Guardia Costiera di Vibo Valentia con l’ausilio dei cani di salvataggio della SICS e della Società Nazionale di Salvamento di Genova. Uno spettacolo che ha entusiasmato il pubblico. [Continua in basso]

Il messaggio della Fit Cisl

Enzo Pagnotta Coordinatore Fit Cisl

Il coordinatore nazionale della Fit Cisl Enzo Pagnotta, assente alla cerimonia per impegni fuori Regione, ha inviato un messaggio al dirigente scolastico: «È importante preservare il valore del mare. Investire nelle professioni marittime assume un ruolo primario nell’accrescimento competitivo dello shipping e costituisce il motore per aumentare l’occupazione, rispondendo alle esigenze delle imprese armatoriali, dell’evoluzione tecnologica e della transizione ecologica così come richiesto dall’Europa e dal legislatore. Serve urgentemente – scrive Enzo Pagnotta – ripartire dagli oramai, imprescindibili percorsi di semplificazione e sburocratizzazione del settore e ridurre il gap tra l’offerta formativa e le nuove esigenze del mercato del lavoro, aumentando l’interazione tra tutti gli stakeholder del settore. Come parti sociali – prosegue il coordinatore della Fit Cisl – vogliamo che si investa di più e meglio nel percorso formativo dei giovani creando figure professionali in grado di contribuire ad un importante settore, quello marittimo, fondamentale per lo sviluppo economico del nostro Paese». Per il sindacalista si tratta di «un percorso sicuramente impegnativo, con un obiettivo importante: offrire reali e tangibili opportunità occupazionali ai nostri giovani»

Articoli correlati

top