Caos rifiuti a Vibo, per il sindacato Confasila sono responsabili sindaco e Dusty

Il segretario provinciale Gianni Patania si scaglia anche contro la decisione di Stefano Luciano e Vibo Unica di non dimettersi insieme all’opposizione al fine di porre all’amministrazione comunale

Il segretario provinciale Gianni Patania si scaglia anche contro la decisione di Stefano Luciano e Vibo Unica di non dimettersi insieme all’opposizione al fine di porre all’amministrazione comunale

Informazione pubblicitaria

“Mentre la città è una pattumiera, Dusty e Comune cercano di giustificare un fallimento che è sotto gli occhi di tutti. Il sindaco finalmente sforna dal cilindro l’ennesimo assessore all’ambiente come se il problema fosse la nomina, dimenticando che ad oggi tale assessorato lo gestiva ad interim lo stesso primo cittadino con risultati disastrosi”. E’ quanto afferma Gianni Patania,  segretario provinciale del sindacato Con.Fa.Si.La. “La Dusty pensa bene di scaricare le responsabilità agli incivili, addirittura affermando che ha fatto risparmiare 600mila euro all’amministrazione, ma che noi cittadini non ci siamo accorti di ciò visto che la Tari è la più alta d’Italia. Poi arriviamo alla notte dei lunghi coltelli in seno alla maggioranza che appoggia l’amministrazione, con Vibo Unica e il suo leader – un tempo presidente del Consiglio comunale – che attaccano la loro ex maggioranza cercando di rifarsi una verginità mai avuta, passando per essere tutto chiacchiere e distintivo. Non si capisce infatti perchè non si coordina con le opposizioni firmando le dimissioni e mandando così il sindaco a casa. In tutto questo, finalmente l’intervento della Procura della Repubblica, invocata dal sindacato tante volte visto un capitolato d’appalto mai rispettato, non solo per quanto riguarda i servizi che la Dusty doveva dare al territorio, ma anche per quanto riguarda le assunzioni che, secondo il capitolato, dovevano essere 70 unità ed invece il Comune ha chiuso gli occhi permettendo l’assunzione solo di 60 unità. Un aspetto, questo, che a mio avviso – spiega Patania – la Procura dovrà valutare attentamente, visto che la carenza di personale è stata anche la causa del cattivo servizio di raccolta. Ci sono lavoratori che, avendo lavorato con le varie ditte che si sono succedute nella gestione della raccolta, avevano il diritto di essere assunti anche perché lo stabiliva il capitolato d’appalto. Adesso ci troviamo invece con il problema di quei lavoratori assunti con contratto a termine che scade il 31 agosto prossimo e che, a mio avviso, va trasformato a tempo indeterminato. Su questo problema domani alle ore 11 incontreremo il neo assessore all’Ambiente per fare il punto della situazione”.  LEGGI ANCHE: Inchiesta sui rifiuti a Vibo Valentia, gli inquirenti concentrati sull’appalto alla Dusty

Rifiuti a Vibo, la ditta Dusty: «Colpa degli incivili e del Comune che non li sanziona» 

Caos rifiuti a Vibo: i capigruppo di maggioranza contro “Vibo Unica”

Caos rifiuti: “Vibo Unica” chiede che il sindaco riferisca in Consiglio

Caos rifiuti a Vibo Valentia: si muove anche la Procura della Repubblica