Filandari, dopo l’allarme ambientale il Comune promette pugno duro contro gli incivili – Video

Amministrazione comunale in campo per ripulire le strade dalle sterpaglie e monitorare le discariche abusive sparse sul territorio. Il sindaco Fuduli avverte: telecamere e foto-trappole per inchiodare chi inquina

Amministrazione comunale in campo per ripulire le strade dalle sterpaglie e monitorare le discariche abusive sparse sul territorio. Il sindaco Fuduli avverte: telecamere e foto-trappole per inchiodare chi inquina

Una discarica abusiva a Filandari
Informazione pubblicitaria

Pneumatici, materassi, frigoriferi, spazzatura di ogni tipo. È quello che ci siamo ritrovati davanti la settimana scorsa nelle campagne di Filandari. Una discarica, anzi più discariche, a cielo aperto che inquinano coltivazioni e falde acquifere. Una vera e propria bomba ecologica, pronta ad esplodere. A distanza di una settimana a Filandari si prova a risolvere il problema. Mezzi su tutte le contrade fino a pochi giorni fa invase dai rifiuti e dalle sterpaglie. Oggi gran parte di quella spazzatura e quelle erbacce non ci sono più. L’invito a muoversi è arrivato dritto al cuore dell’amministrazione comunale guidata da Maria Fuduli, a capo del Comune alle porte di Vibo Valentia dal giugno scorso dopo una fase commissariale durata due anni. Il sindaco ci mette la faccia. È convinta della bontà dell’azione della sua Amministrazione. Partita dal centro del paese e spinta fino alle periferie. Fino alle contrade della vergogna che vi abbiamo mostrato. Dove oggi si nota l’impegno del Comune ma dove ancora molto si deve fare. In attesa delle risposte e della completa bonifica, il sindaco Fuduli avverte gli incivili: Filandari è pronta a dotarsi di un sistema di videosorveglianza e fototrappole per inchiodare gli zozzoni

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHEA Filandari una bomba ecologica pronta ad esplodere – Video

Strade colabrodo, lavori pubblici, discariche a Filandari: opposizione all’attacco

Filandari, amministrazione ancora nel mirino: l’affondo di “Vibo da vivere”