venerdì,Aprile 12 2024

Pizzo, Paolillo (Wwf): «No all’impianto fotovoltaico sulla tonnara»

Il naturalista: «Immagino lo sconcerto dei turisti che si affacceranno dalla piazza antistante il Castello per godere del panorama della spiaggia e del quartiere sottostanti e vedranno i luccicanti pannelli solari»

Pizzo, Paolillo (Wwf): «No all’impianto fotovoltaico sulla tonnara»
La tonnara di Pizzo
Pino Paolillo – Wwf

«Mi associo alla protesta dello storico Antonio Montesanti e di altri cittadini di Pizzo in merito al progetto di impianto fotovoltaico sulla Tonnara della Marina di Pizzo. Si tratta di un edificio che rappresenta la storia dell’antico legame del paese con il mare e con uno dei suoi più straordinari abitanti». Lo scrive Pino Paolillo, naturalista e responsabile del settore conservazione Wwf Vibo Valentia/Vallata dello Stilaro. «Immagino lo sconcerto dei visitatori e dei turisti che si affacceranno dalla piazza antistante il Castello per godere del panorama della spiaggia e del quartiere sottostanti e vedranno i luccicanti pannelli solari, dopo aver “ammirato” tabelloni turistici, colorati cestini portarifiuti, pali portabandiera (senza bandiera) un’invasione di moto e vari segnali stradali non distanti dal maniero fatale al Re Francese. E continuo a domandarmi cosa ci faccia, dopo almeno vent’anni, quella struttura metallica posta sulla gradinata che conduce al terrazzo sottostante la medesima piazza, inizialmente posizionata per favorire l’accesso ai disabili, ma di fatto mai utilizzata e ormai inutilizzabile: ennesima nota stonata alla base di un monumento della fine del 1400. Richiesta agli amministratori di rimuoverla, non ascoltata».

Paolillo non ha dubbi: «Il” lodevole” intendimento di risparmio energetico (quando già si allestiscono luminarie che dureranno fino a metà gennaio…) stride clamorosamente con l’altro progetto, quello di demolire la scuola media Anile per realizzare nuovi edifici (e nuove cementificazioni e impermeabilizzazioni del territorio), quando erano stati spesi fior di quattrini proprio per un impianto fotovoltaico sul tetto della stessa Scuola. Mentre infuria la “parcheggiomania”, sembra che i concetti di bello, di armonia, di conservazione, siano destinati a soccombere miseramente di fronte ai mega progetti, ai vari “poli” (sportivi, didattici). Possibile – si chiede infine- che in questo paese non si possa arrestare la corsa verso l’improvvisazione e le brutture?».  

LEGGI ANCHE: Pizzo, Paolillo (Wwf) interviene sul ritrovamento di bustine con veleno per topi

Mare di Pizzo, per Pino Paolillo (Wwf): «Fiumi di parole e…liquami»

Un impianto fotovoltaico sulla loggia della Tonnara di Pizzo, lo storico Montesanti: «Uno sfregio»

top