domenica,Settembre 26 2021

A Maierato “Scrisi in festa”, una giornata dedicata alla cultura contadina

Tutto pronto nella fiorente località agricola per l’iniziativa promossa dal Comitato per la difesa della dignità dell’agricoltura e dedicata alla riscoperta dei valori e dei sapori della civiltà rurale

A Maierato “Scrisi in festa”, una giornata dedicata alla cultura contadina

Una giornata interamente dedicata alla bellezza della campagna, al lavoro nei campi, ai tanti significati ed alle tradizioni della civiltà contadina. Si tratta della manifestazione “Scrisi in festa”, organizzata, a partire dal pomeriggio di oggi, domenica 6 agosto, dal “Comitato per la tutela della dignità dell’agricoltura del comprensorio di Maierato”, costituito fra agricoltori di Maierato, Sant’Onofrio, Stefanaconi e Filogaso per la difesa delle coltivazioni dal dissesto ambientale operato anche dai cinghiali.

Sarà una festa interamente organizzata dagli agricoltori, con il sostegno dell’amministrazione comunale di Maierato e dell’associazione Agrìa. Porteranno un concreto contributo anche diverse associazioni civili del centro vibonese (Pro loco, Protezione civile Macherato, Sporting club). La manifestazione inoltre ha ricevuto il sostegno anche di importanti organizzazioni operanti nel Vibonese ed in Calabria. E’ il caso dell’Ordine degli agronomi e forestali della provincia di Vibo Valentia, dell’associazione Agricoltura biologica Calabria, della Confcommercio Vibo Valentia, del Fai Giovani di Vibo Valentia e del Touring Club Italiano. Anche tante imprese del comprensorio non hanno fatto mancate la loro partecipazione.

Ad aprire la manifestazione, alle ore 17, sarà l’intervento del sindaco di Maierato Danilo Silvaggio, che inaugurerà le tante aree allestite per l’occasione. Seguirà subito dopo la cerimonia di “Benedizione delle messi”, che sarà impartita dal parroco di Maierato, don Danilo D’Alessandro. Un momento che vorrà essere di preghiera e riflessione sui significati spirituali e morali del lavoro di cura della terra.

Il pomeriggio proseguirà con la tanto attesa trebbiatura tradizionale, operata dagli agricoltori di Maierato con trebbiatrice antica, tenuta ancora in funzione dall’azienda agricola Vincenzo Griffo. L’area della festa sarà uno scenario vario e composito, con tante esposizioni e rappresentazioni. Sarà presentata la mostra su attrezzi antichi, illustrata dalla professoressa Margherita Scalamogna. Sono inoltre organizzati laboratori del gusto su miele, olio extra vergine di oliva biologico, pasta fatta a mano e dolci tradizionali (ottenuti da grani antichi).

Diverse aziende agricole ed alimentari esporranno prodotti e progetti di lavoro in essere. E’ stato pensato anche uno spazio dibattiti, che vedrà alle 20 il confronto sul tema: “Agricoltura bene comune. Difendere l’agricoltura per l’economia locale, la tutela dell’ambiente e del territorio”. Coordina Vincenzo Canonaco (corrispondente di Terra e vita), partecipano: Antonino Greco (Odaf), Maurizio Agostino (Abc), Danilo Silvaggio (sindaco di Maierato), Antonello Greco (Comitato tutela dignità dell’agricoltura Maierato), Angelo Calzone (Wwf Vibo Valentia).

La serata non poteva tralasciare la buona cucina e le tradizioni culinarie del popolo contadino. I visitatori saranno coinvolti nella “cena dei trebbiatori”, cioè una ricca cena a base di piatti ottenuti da ricette tradizionali, composti con prodotti biologici e locali. La direzione gastronomica dell’evento sarà a cura della Fabbrica food & drink Vibo Valentia, di Alessandro Aversano.

Le note musicali saranno affidate al gruppo Armonie del Sud di Cardeto (Rc), coordinato dalla giovane compositrice e cantante Anna Maria Cento, appassionata astro nascente della musica etnica calabrese.

«Con questa manifestazione – ha dichiarato Antonello Greco, uno dei coordinatori del Comitato – vogliamo condividere con tanti cittadini le ragioni del nostro impegno di agricoltori, non solo orientato allo sviluppo delle nostre aziende, ma anche alla tutela del territorio e delle tradizioni della nostra civiltà contadina».

top