Qualità della vita, Vito Teti: «Vibo penultima? Se ne prenda atto e si ribalti lo stato di cose»

Il commento dell’antropologo vibonese sulla classifica stilata dal Sole 24 Ore che colloca la nostra provincia alle ultime posizioni in Italia.

Il commento dell’antropologo vibonese sulla classifica stilata dal Sole 24 Ore che colloca la nostra provincia alle ultime posizioni in Italia.

Informazione pubblicitaria
L'antropologo e docente universitario Vito Teti
Informazione pubblicitaria

«È impietosa la classifica del “Sole 24 Ore” che colloca al penultimo posto per qualità della vita Vibo e la sua provincia». Un record negativo non nuovo che spinge il professore di Etnologia e Letterature popolari all’Università della Calabria, Vito Teti, ad intervenire nel dibattito.

Informazione pubblicitaria

«Vivo a San Nicola da Crissa, nel Vibonese, e per questo dico che il territorio della provincia di Vibo è stato sempre eccessivo nel bene e nel male. Anche chi sceglie di viverci – spiega all’Agi l’intellettuale – compie una scelta “eccessiva” di amore, dolore ed amarezza, coltivando la speranza che prima o poi emergano quelle positività che pur ci sono e che forse il Sole 24 Ore non sempre riesce a cogliere, oppure che non ci sono e che però devono impegnare tutti noi vibonesi a cercarle».

«E’ una classifica che crea imbarazzo – prosegue – e quando 10 anni fa dissi che tutto sommato la provincia di Vibo era “senza orgoglio e dignità” ci fu un’insurrezione di anime benpensanti che urlarono ad una sorta di vibonesità offesa. Adesso – conclude Teti – sarebbe il caso di prendere definitivamente atto che tale stato di cose non può continuare e va ribaltato, senza dare sempre le colpe ad altri ed interrogandoci invece sulle nostre responsabilità».

.