Limbadi dopo l’autobomba: comunità sotto shock, il sindaco difende l’immagine del paese (VIDEO)

A ventiquattrore di distanza dall’autobomba che ha ucciso Matteo Vinci nel piccolo centro vibonese si respira paura e rabbia. «Non siamo tutti mafiosi» così Pino Morello che convoca un consiglio comunale aperto

A ventiquattrore di distanza dall’autobomba che ha ucciso Matteo Vinci nel piccolo centro vibonese si respira paura e rabbia. «Non siamo tutti mafiosi» così Pino Morello che convoca un consiglio comunale aperto

Informazione pubblicitaria
Il luogo dell'esplosione
Informazione pubblicitaria

Limbadi oggi è una città blindata da una parte e fantasma dall’altra. Il giorno dopo la deflagrazione che ha scosso l’intera comunità nel piccolo centro in provincia di Vibo Valentia nessuno vuole parlare e chi lo fa si limita a ricordare Matteo Vinci come un bravo ragazzo. Lontano da logiche criminali. Eppure chi ha inserito nel portabagagli l’ordigno che lo ha fatto saltare in aria insieme al padre, ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Palermo, lo ha fatto per ucciderli. Dandogli una lezione esemplare. In pieno stile mafioso

Informazione pubblicitaria

Sul luogo dell’esplosione restano i segni tangibili della deflagrazione udita fino a centinaia di metri da località “Cervolaro”, in piena campagna. Lì dove la Ford Fiesta di proprietà della famiglia Vinci è andata completamente distrutta. A parlare per tutti oggi è il sindaco, Giuseppe Morello che condanna fortemente il gesto e al tempo stesso difende l’immagine del proprio paese e della propria comunità. «Quello che è accaduto è un pugno nello stomaco di tutti quelli che si sono impegnati e continuano ad impegnarsi per cancellare l’etichetta di “paese della mafia” che ci attribuiscono. A Limbadi non siamo tutti mafiosi e fatti come quelli di ieri fanno malissimo alla nostra immagine – tuona il primo cittadino -. Mi stringo al dolore della famiglia del ragazzo – continua Morello – e per venerdì ho convocato un consiglio comunale aperto a tutta la cittadinanza per ribadire il nostro disprezzo a certi gesti».

LEGGI ANCHE:

Esplosione a Limbadi: ad uccidere Matteo Vinci è stata un’autobomba (VIDEO)

Detenzione illegale di arma da fuoco: arrestato a Limbadi Domenico Di Grillo

Autobomba a Limbadi: indagini a tutto campo per far luce sull’esplosione (VIDEO)

Autobomba a Limbadi, la Dda assume la titolarità dell’inchiesta