Le stragi di Cosa Nostra contro lo Stato ed il summit a Nicotera del 1992

Il racconto dell’ex boss di Cosenza, Franco Pino, nel processo “Ndrangheta stragista” in corso a Reggio Calabria. Il ruolo del clan Mancuso di Limbadi e il legame fra i Pesce ed i Piromalli
Il racconto dell’ex boss di Cosenza, Franco Pino, nel processo “Ndrangheta stragista” in corso a Reggio Calabria. Il ruolo del clan Mancuso di Limbadi e il legame fra i Pesce ed i Piromalli
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Deposizione del collaboratore di giustizia di Cosenza, l’ex boss Franco Pino, nel processo “Ndrangheta stragista” in corso dinanzi al Tribunale collegiale di Reggio Calabria. L’ex “padrino” dell’omonimo clan di Cosenza, nella ‘ndrangheta sin dal 1976 ed a capo della criminalità organizzata cosentina dopo l’omicidio di Luigi Palermo, detto “U Zorru”, ucciso nel 1977, è ritornato sulla proposta di Cosa Nostra avanzata alla ‘ndrangheta nel 1992 dopo l’omicidio del giudice Paolo Borsellino e discusso nel corso di un summit in un villaggio di Nicotera Marina. «Dopo la strage di via D’Amelio, vengo convocato dai Mancuso. Era estate inoltrata del 1992. Venne a Cosenza Pantaleone Mancuso e mi disse che mi voleva parlare Luigi Mancuso a Limbadi. A brevissimo termine, chiamai una persona vicina a me, Umile Arturi. Partiamo da Cosenza e andiamo a Limbadi. Troviamo il nipote di Luigi e ci dice di andare tutti al campeggio Sayonara. Era un villaggio turistico, c’era Luigi Mancuso, Santo Carelli di Corigliano, Giuseppe Farao di Cirò, c’erano altre persone come Nino Pesce di Rosarno, c’era anche un calabrese che abitava a Milano e mi fu presentato un certo Franco Coco Trovato e c’era anche Giuseppe De Stefano. C’era un signore che mi è stato presentato, tale Papalia. Era Luigi Mancuso che faceva le presentazioni». Ma perché erano stati convocati al Sayonara? «Arrivò un’imbasciata che i siciliani di Totò Riina e quelli vicini a lui, avevano chiesto ai calabresi – spiega Franco Pino – di partecipare con loro ad un’offensiva contro lo Stato. Volevano compiere attentati contro obiettivi istituzionali e avevano detto alla ‘ndrangheta “vi conviene partecipare perché, anche se voi non partecipate e la legislazione cambia, le cose si fanno più brutte per tutti, non solo per i siciliani”. Ci fu una proposta e ciascuno la pensò a modo suo. Non c’era nessun siciliano presente, materialmente parlavano Nino Pesce e Franco Coco Trovato. Pesce era messaggero dei Piromalli di Gioia Tauro, ha introdotto il discorso dicendo che parlava a nome dei Piromalli». Cosa si intendesse per obiettivi istituzionali è presto detto: «Specificatamente si parlava di assaltare caserme nei paesi dove c’erano cinque o sei carabinieri, piccole Stazioni. Colpire questi obiettivi nei paesi. Unico riferimento erano le stazioni carabinieri. Anche per uccidere. Se affronti un carabiniere sai già che se non uccidi tu, lui prende la pistola e uccide te. Il riferimento lo fecero sia Nino Pesce che Coco Trovato, la direttiva era quella, una proposta». Anche sugli obiettivi, Pino è lucidissimo: «Per quello che ho capito io, sovvertire lo Stato e mettere con le spalle al muro, costringere lo Stato ad una trattativa e dire “noi non facciamo più questo e tu in cambio mi dai legislazione più morbida, il 41 bis, legge sui pentiti”». Pino, però, non era d’accordo con quella strategia: «Ho avuto modo di commentare con Luigi Mancuso, lui non ha mai condiviso la guerra aperta contro le istituzioni, i carabinieri, lo Stato. Le perplessità della ‘ndrangheta. «Era una proposta dove ciascuno avrebbe dovuto poi decidere. Non era in quella sede il direttorio di tutto. Noi abbiamo ragionato grosso modo quello che si doveva ragionare in quella sede, ma non si stabiliva tutto là. Volevano tirarci dentro noi cosentini e cirotani, ma non avevano bisogno di noi. Quella è gente che decide da una vita, non aveva bisogno di invitare cosentini, coriglianesi e cirotani. Io non diedi adesione alla richiesta dei siciliani. Se la Calabria ‘ndranghetista avesse aderito apertamente ci saremmo dovuti stare anche noi. Se Luigi Mancuso mi avesse detto “Piromalli e Pesce aderiscono”, io avrei aderito anche a malincuore. Anche Mancuso lo vedeva come un problema schierarsi apertamente». Sin qui il racconto di Franco Pino. E’ bene evidenziare che sul racconto di Franco Pino, non nuovo ma già contenuto negli atti dell’operazione “Galassia” del 1995, “Genesi” dell’agosto del 2000 e poi ripetute anche nel processo “Tirreno” celebrato a Palmi a metà anni ’90, non esiste allo stato una verità processuale e tutte le persone citate non hanno mai subito alcun processo per i fatti relativi al presunto summit di Nicotera. In foto Luigi Mancuso e Nino Pesce

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: Le stragi di Cosa Nostra e tutte le riunioni nel Vibonese coi boss della ‘Ndrangheta

‘Ndrangheta: dopo 22 anni rispunta il presunto summit a Nicotera con i siciliani

‘Ndrangheta: “Damiano Vallelunga e Luigi Mancuso allo stesso livello”

Ndrangheta: Andrea Mantella spiega l’alleanza fra i clan Alvaro e Piromalli

‘Ndrangheta: clan Piromalli, secondo annullamento con rinvio per il “vibonese” Nicola Comerci

‘Ndrangheta: clan Piromalli, arrestato pure Paolo D’Elia, storico patriarca trapiantato a Vibo