I funerali di Matteo Vinci a Limbadi e quelle assenze di “peso”

L’avvocato Giuseppe De Pace ed i genitori della vittima stigmatizzano la mancata presenza di diverse autorità politiche e istituzionali

L’avvocato Giuseppe De Pace ed i genitori della vittima stigmatizzano la mancata presenza di diverse autorità politiche e istituzionali

Informazione pubblicitaria

L’avvocato Giuseppe De Pace, a nome della famiglia Vinci – Scarpulla, con una nota ringrazia per la partecipazione ai funerali “del loro povero figlio Matteo, vittima della mafia che impera sul nostro territorio, i cittadini di Limbadi, presenti nella loro componente più nobile di operai, pensionati, professionisti, le associazioni antimafia Libera e “Agende Rosse”, la stampa e le Tv, l’Arma dei carabinieri, il P.R.C. Stigmatizza e condanna tutte le entità politiche e istituzionali – dal Presidente della Repubblica al Presidente della Regione fino alla Commissione straordinaria comunale di Limbadi, i cosiddetti partiti e movimenti politici di governo e di opposizione – che hanno dato prova di deplorevole indifferenza avendo mancato di dare un segno anche minimo di partecipazione al triste momento: “Senza lo Stato, la mafia – diceva Giovanni Falcone – non sarebbe nulla”. L’avvocato De Pace, Francesco Vinci e Rosaria Scarpulla esprimono poi “il proprio dolore per l’assenza di rappresentanze sindacali, anche in considerazione della condizione sociale di Matteo. Per quanto riguarda l’intellettualità che scrive pensosi libri e va per convegni, premi e targhe, alla ricerca di riconoscimenti della gente che conta, anche in questa occasione ha dato prova della sua conclamata pochezza – ma sopra essa stendiamo un velo pietoso. Cionondimeno, Sara Scarpulla e Francesco Vinci continueranno la loro lotta per l’affermazione della Giustizia, consapevoli di doverlo al povero figlio, che di tale principio ne aveva fatto ragione di vita; per parte loro, confortati dalla bella umanità che ha baciato quella bara, citando Antonio Gramsci odieranno ancor di più gli indifferenti, peso morto della storia”.