Inchiesta rifiuti a Vibo: sei ore di interrogatorio per Filippo Nesci

Il comandante della polizia municipale dinanzi ai carabinieri Nucleo Ambiente della Procura che stanno indagando sulla mancata raccolta della spazzatura in città ed il rispetto del capitolato d’appalto

0
2

Il comandante della polizia municipale dinanzi ai carabinieri Nucleo Ambiente della Procura che stanno indagando sulla mancata raccolta della spazzatura in città ed il rispetto del capitolato d’appalto

Informazione pubblicitaria

Sei ore di interrogatorio dinanzi agli investigatori della polizia giudiziaria della Procura, aliquota carabinieri “Nucleo Ambiente”, per il comandante della polizia municipale di Vibo Valentia, Filippo Nesci. Top secret, naturalmente, il contenuto dell’interrogatorio e nulla trapela dagli inquirenti che mantengono il più stretto riserbo. L’inchiesta è però quella sui rifiuti in città, o meglio sulla mancata raccolta della spazzatura nel mese di agosto e sul rispetto del capitolato d’appalto da parte della ditta catanese Dusty addetta alla raccolta della spazzatura ed alla pulizia di strade, marciapiedi, aiuole e spiagge. La polizia municipale ha il compito del controllo del territorio per reprimere le violazioni ambientali e, quindi, anche le violazioni nella raccolta dei rifiuti. Non difficile, dunque, ipotizzare il tema dell’interrogatorio del comandante Filippo Nesci dinanzi ai carabinieri che conducono l’inchiesta sotto il coordinamento del procuratore Bruno Giordano, intenzionato più che mai a vederci chiaro sino in fondo su tutto ciò che non ha funzionato nel mese di agosto nella raccolta dei rifiuti, con la città trasformata in una sorta di discarica a cielo aperto.E le cose che non tornano sembrano essere davvero tante. Ciò che appare certo, è che di cose da chiedere al comandante della polizia municipale (in foto), gli investigatori devono averne avute parecchie, stando alle ore (ben sei) in cui lo stesso Filippo Nesci si è trovato seduto dinanzi ai carabinieri. Del resto, anche gli amministratori della ditta Dusty avevano scaricato le responsabilità del degrado in città sugli incivili che gettano i rifiuti ovunque e sui mancati controlli da parte della polizia municipale che non è dato al momento sapere quanti cittadini ha sanzionato e se e quali controlli ha sinora compiuto. Ad arricchire la giornata degli inquirenti, anche l’escussione oggi di altri e diversi operai (rispetto a quelli ascoltati nei giorni scorsi) della ditta Dusty che hanno potuto spiegare il loro operato e cosa, a loro avviso, si è inceppato nella raccolta dei rifiuti. L’inchiesta procede dunque spedita e in una direzione ben precisa: accertare se tutte le voci del capitolato d’appalto aggiudicato dalla ditta Dusty per 10 milioni di euro sono state rispettate e se chi doveva controllare ha fatto sino in fondo il proprio dovere. Solo in questi giorni, in ogni caso, si sono rivisti all’opera gli operai in alcune zone della città, intenti a ripulire i marciapiedi dalle erbacce. Un “effetto Procura” salutato con favore dai cittadini, in attesa di sapere chi ha sbagliato e perché. Ipotizzate le singole fattispecie di reato consumate con la mancata raccolta dei rifiuti e la trasformazione del territorio comunale in un discarica, si sta cercando di attribuire le singole responsabilità penali ed in tal senso la sensazione è che le sei ore di interrogatorio di Filippo Nesci (nei giorni scorsi erano stati interrogati anche Adriana Teti ed Alfonso Colaci) sono destinate a lasciare il segno in un’inchiesta che rischia di travolgere più di qualcuno a “palazzo Luigi Razza”.   LEGGI ANCHE: Inchiesta sui rifiuti a Vibo: nuova documentazione acquisita dagli investigatori

Informazione pubblicitaria

 Inchiesta sui rifiuti a Vibo: altre tre ore di interrogatorio per Adriana Teti

Rifiuti a Vibo, la ditta Dusty: «Colpa degli incivili e del Comune che non li sanziona» 

Caos rifiuti a Vibo: i capigruppo di maggioranza contro “Vibo Unica” 

Caos rifiuti: “Vibo Unica” chiede che il sindaco riferisca in Consiglio

Caos rifiuti a Vibo Valentia: si muove anche la Procura della Repubblica