Università antimafia di Limbadi, il Comune assegna (finalmente) l’immobile

Dopo la rinuncia di Riferimenti e il bando deserto dei mesi scorsi, la gara è stata assegnata. Erano due le associazioni partecipanti

Dopo la rinuncia di Riferimenti e il bando deserto dei mesi scorsi, la gara è stata assegnata. Erano due le associazioni partecipanti

Informazione pubblicitaria
L'immobile confiscato al clan Mancuso
Informazione pubblicitaria

Dopo mesi di attesa, gare deserte, diatribe e nuovi bandi, il Comune di Limbadi è riuscito ad assegnare il bene confiscato al clan Mancuso dove un tempo doveva sorgere l’Università antimafia. Questa mattina l’ente ha infatti pubblicato l’esito della gara per l’affidamento dell’immobile, alla quale avevano partecipato due realtà associative: il sodalizio di volontariato San Benedetto abate, di Cetraro, di cui è presidente don Ennio Stamile, tra l’altro referente regionale di Libera; e la Unity e friendship di Castelvolturno (provincia di Caserta). L’immobile verrà gestito proprio dai ragazzi di don Stamile, che hanno ottenuto 78 punti nella graduatoria contro i 38 dei campani. 

Informazione pubblicitaria

Come si ricorderà, l’edificio oggetto di confisca negli anni scorsi da parte dello Stato, sequestrato al clan Mancuso, era stato assegnato all’associazione Riferimenti guidata da Adriana Musella, la quale aveva predisposto un progetto per la realizzazione di un’Università antimafia che doveva sorgere proprio nel regno di una delle più potenti cosche della ‘ndrangheta calabrese. Tra ritardi, lungaggini ed intoppi di vario tipo, non ultimo il coinvolgimento della stessa Musella in un’indagine della Procura di Reggio sulla gestione dei fondi antimafia, l’Università era rimasta soltanto sulla carta, sebbene la struttura fosse pronta, conclusa, collaudata, con gli alloggi già forniti di camere per gli studenti e le aule attrezzate con ogni tipo di apparecchiatura necessaria.

Ora, con l’assegnazione di oggi, la speranza è che si apra un capitolo nuovo per riconsegnare il bene alla collettività con un progetto che, all’insegna della legalità, possa fornire un apporto fondamentale allo sviluppo della società limbadese e di tutto il circondario.

LEGGI ANCHEEx Università antimafia di Limbadi, si fa avanti l’Associazione testimoni di giustizia

Comune di Limbadi proroga i termini per l’affido dei beni dei Mancuso

Beni confiscati ai Mancuso di Limbadi, il Comune avvia il nuovo iter per l’affido