Carattere

La consorteria di Filandari chiamata a rispondere di associazione a delinquere finalizzata al narcotraffico, detenzione di droga, armi ed esplosivi, estorsioni e danneggiamenti

Cronaca

Prima udienza stamane dinanzi al Tribunale collegiale di Vibo Valentia per il processo nato dall’operazione antimafia denominata “Nemea" contro il clan Soriano di Filandari. Un’udienza nel corso della quale è stato conferito l’incarico ad un perito per procedere alla trascrizione delle intercettazioni, mentre diverse sono state le eccezioni preliminari - già formulate dinanzi al gup e respinte - riproposte dall’avvocato Diego Brancia nell’interesse di Leone Soriano (perizia psichiatrica per accertare la capacità di intendere e volere al momento della commissione dei fatti) e di Giuseppe Soriano in ordine alla regolarità dell’interrogatorio di garanzia. Il Tribunale, presieduto dal giudice, Giulio De Gregorio (a latere i giudici Marina Russo e Brigida Cavasino) ha rigettato le eccezioni e si è quindi riservato in ordine ad una nuova perizia su Leone Soriano all’esito dell’istruttoria dibattimentale. Oltre quaranta i capi di imputazione, mentre le persone offese sono invece quattordici. 

Gli imputati sono: Leone Soriano, 53 anni, di Pizzinni di Filandari; Graziella Silipigni, 48 anni, di Pizzinni di Filandari, moglie del defunto Roberto Soriano (lupara bianca), fratello di Leone; Giuseppe Soriano, 28 anni, di Pizzinni di Filandari (figlio della Silipigni); Giacomo Cichello, 32 anni, di Filandari; Francesco Parrotta, 36 anni, di Filandari, ma residente a Ionadi; Caterina Soriano, 29 anni, di Pizzinni di Filandari (figlia di Graziella Silipigni); Luca Ciconte, 27 anni, di Sorianello, di fatto domiciliato a Pizzinni di Filandari (marito di Caterina Soriano); Mirco Furchì, 26 anni, di Mandaradoni, frazione di Limbadi; Domenico Soriano, 60 anni, di Pizzinni di Filandari (fratello di Leone Soriano, in foto in basso); Domenico Nazionale, 33 anni, di Tropea; Rosetta Lopreiato, 50 anni, di Pizzinni di Filandari (moglie di Leone Soriano); Maria Grazia Soriano, 47 anni, di Arzona di Filandari; Giuseppe Guerrera, 24 anni, di Arzona di Filandari; Luciano Marino Artusa, 58 anni, di Arzona di Filandari; Alex Prestanicola, 28 anni, di Filandari. L’inchiesta è stata condotta “sul campo” dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Vibo Valentia con il coordinamento del pm della Dda di Catanzaro Anna Maria Frustaci. Nel collegio di difesa figurano gli avvocati: Giovanni Vecchio, Diego Brancia, Daniela Garisto, Giuseppe Di Renzo, Francesco Schimio, Mario Bagnato, Vincenzo Brosio,Gianni Russano, Salvatore Staiano e Pamela Tassone. Per tutte le accuse LEGGI QUI: ‘Ndrangheta: operazione contro il clan Soriano di Filandari, in 15 a giudizio

‘Ndrangheta ed enti locali, si dimette il padre del “braccio operativo” del clan Soriano

‘Ndrangheta: operazione “Nemea”, Ciconte passa ai domiciliari

‘Ndrangheta: il clan Soriano pedinava i carabinieri e pianificava la corruzione dei giudici

Operazione Nemea | La droga dei Soriano di Filandari nascosta a casa della nonna defunta

Operazione Nemea: le critiche della Dda all’assoluzione del clan Soriano da parte del Tribunale di Vibo

Colpo al clan Soriano, Gratteri: «Progettavano attentato contro caserma dei carabinieri» (VIDEO)

‘Ndrangheta: Emanuele Mancuso ed i rapporti con Castagna e lo zio Antonio

‘Ndrangheta: Emanuele Mancuso ed i tradimenti in famiglia per uccidere Scarpuni

‘Ndrangheta, Emanuele Mancuso: «Roberto Soriano macinato col trattore da Giuseppe Accorinti»

 

 

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook