Carattere

Dopo il nostro servizio su quanto si verifica nel cimitero, tre consiglieri comunali scrivono a sindaco, Asp, carabinieri e prefetto

Cronaca

Non è rimasto inascoltato il nostro servizio pubblicato ieri sui resti da estumulazione buttati alla meno peggio in un locale seminterrato del cimitero di Joppolo. I consiglieri comunali di minoranza, Giuseppe Dato, Salvatore Burzì e Stefano Siclari hanno infatti inviato una missiva al sindaco del Comune di Joppolo, Carmelo Mazza, al direttore del Dipartimento “Igiene e Sanità” dell’Asp di Vibo Valentia, al comandante del Gruppo carabinieri ambientali di Mongiana ed al prefetto Francesca Ferrandino chiedendo loro di intervenire”.

I consiglieri comunali reputano “sconcertante la scoperta di resti da estumulazione abbandonati nel cimitero di Joppolo pubblicata su il Vibonese il 14 maggio che va ad aggiungersi alle nostre segnalazioni - spiegano - che facciamo da oltre un anno. E’ una vergogna che non ha e non può avere giustificazioni”, visto “il mancato ed il violato rispetto che si deve ai morti. Violare ed offendere luoghi ai quali sono dovuti venerazione e rispetto, non lo possiamo tollerare”. Quindi le critiche all’operato dell’amministrazione “Mazza che ha pensato solo ad aumentare anche le tasse sui morti con l’aggiornamento del regolamento della polizia mortuaria che si appresta ad approvare. Pertanto chiediamo alle autorità in indirizzo di intervenire affinchè il nostro cimitero, che è un luogo sacro, ritorni ad essere tale”.      LEGGI ANCHE: Deposito incontrollato di resti da estumulazione nel cimitero di Joppolo

Debito Proserpina e vicenda Panzitta: «Così il Comune di Joppolo viaggia verso il default»

Scandalo rifiuti a Joppolo e Rombiolo, la denuncia dello Slai Cobas

L’ INCHIESTA | Dal Vibonese alla Lombardia, le relazioni pericolose di due consiglieri comunali di Joppolo

Discarica illegale a Caroniti: raccolti i rifiuti resta il percolato

Discarica abusiva a Caroniti: la ditta che non si è accorta del disastro incaricata di rimuovere i rifiuti

 

 

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook